Trasporto scolastico con capienza massima all'80%, Allegri: «Si rinforzi il parco mezzi»

Dopo le lamentele dell'Ass. alla Mobilità Luca Zanotto a Verona, giungono i suggerimenti sul tema trasporti da parte del candidato dem, ma anche dell'esponente di FdI Massimo Giorgetti: «Per i controlli il Comune recluti "nonni vigile" o percettori del reddito di cittadinanza»

Sanificazione autobus a Verona - immagine d'archivio

Resta un tema estremamente caldo anche in vista dell'autunno quello dell'organizzazione dei trasporti, in particolare per quanto riguarda i bus che a breve con la riapertura delle scuole dovrebbero tornare ad ospitare studenti e studentesse. L'accordo compromissorio tra governo e regioni ha fissato la quota della capienza massima, in virtù delle esigenze di distanziamento sociale in periodo pandemia da coronavirus, all'80% dei posti effettivamente disponibili sui mezzi. Un compromesso che però ha lasciato dubbi e insoddisfazione da più parti. Già nelle scorse ore l'assessore alla Mobilittà del Comune di Verona Luca Zanotto aveva precisato che mancherebbero al momento indicazioni circa i soggeti cui spetti effettivamente di verificare il numero di persone presenti su un autobus e che, dunque, in assenza di un "contapersone", allo stato attuale delle cose, le verifiche in tal senso risulterebbero di fatto «impossibili».

Massimo Giorgetti e Giorgia Meloni - foto Facebook-2

L'esponente di Fratelli d'Italia Massimo Giorgetti con la leader Giorgia Meloni - foto d'archivio

In merito un suggerimento parrebbe arrivare dall'esponente di Fratelli d'Italia Massimo Giorgetti: «Il Comune di Verona precetta i "nonni vigile" per la sorveglianza fuori dalle scuole cittadine, perché non predispone un avviso anche per la ricerca di figure socialmente utili che collaborino a sorvegliare le fermate dell'autobus? O perché non si avvale dei percettori del reddito di cittadinanza?». Il vicepresidente del Consiglio regionale del Veneto Massimo Giorgetti quindi aggiunge: «L'azienda dei trasporti ha già comunicato di non avere abbastanza operatori disponibili e anche impiegando gli agenti della polizia locale, che però sono impegnati pure su altri fronti, è ovviamente impensabile vigilare su tutte le 1.200 stazioni di sosta del territorio urbano. Invece si potrebbe tarare il servizio in base alle necessità, mappando le fermate per capire dove l'affluenza è maggiore. Alcune sono ben note: penso agli snodi di Porta Vescovo e della stazione di Porta Nuova. Perché non prevedere, nei punti più critici, la presenza di un volontario che aiuti a disciplinare l'accesso ai mezzi pubblici?».

Ulteriori suggerimenti, seppur di altra tipologia, giungono all'amministrazione veronese da parte anche di un esponente del Partito democratico, il vicesindaco di Sommacampagna nonché candidato dem alle prossime elezioni regionali in Veneto, Giandomenico Allegri: «È vero che la conferenza "Stato-Regioni" ha previsto una percentuale di riempimento dei mezzi dell’80%, ma è anche vero che si può da subito aumentare il numero degli autobus tramite la concessione del servizio anche a terzi, - argomenta Giandomenico Allegri - vedi gli autobus non di linea utilizzati per le gite: quell’organizzazione, affinché l’inizio delle scuole non sia un salto nel buio, spetta alla Regione e al concessionario».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il candidato consigliere Pd alle prossime elezioni regionali quindi aggiunge: «Dal canto suo lo Stato ha già previsto risorse, dall’altro la Regione deve prevedere una pianificazione la cui strada non è certo ostacolata dalle burocrazie». In merito Giandomenico Allegri ha poi ricordato come dal confronto Stato-Regioni sia emersa, sempre in tema di trasporti, la possibilità per l'appaltatore, previa comunicazione all'amministrazione e relativi controlli, di procedere a «sub-affidamenti», potendo inoltre usufruire di «aggiudicazioni d'urgenza» per snellire le procedure. In sostanza, conclude l'esponente dem Giandomenico Allegri: «La Regione e il concessionario possono già attrezzarsi da subito per rinforzare il parco dei mezzi in vista della riapertura delle scuole».

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Verona usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I supermercati più convenienti? Primeggia il Triveneto, ecco quali sono a Verona

  • Elezioni in Veneto: come si vota? Dal voto disgiunto alle preferenze, tutte le informazioni

  • Elezioni del 20 e 21 settembre 2020: come si potrà votare e per cosa

  • Zaia ha anche un lista tutta sua, ecco i candidati in provincia di Verona

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 18 al 20 settembre 2020

  • Citrobacter, provvedimento disciplinare alla direttrice della microbiologia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento