Dopo le ordinanze regionali: «Verona si adegui e tolga i limiti all'attività motoria»

«I cittadini hanno dimostrato di saper collaborare con le istituzioni, ora ciò di cui hanno bisogno è soprattutto chiarezza», ha detto Pietro Trincanato, presidente di Traguardi

Tommaso Ferrari e Pietro Trincanato

«In queste settimane di emergenza sanitaria siamo stati sommersi non soltanto dalle informazioni sui contagio, ma anche da un'inedita "ondata normativa": decreti del governo, ordinanze regionali, regolamenti comunali scritti, riscritti, modificati e rivisti settimana per settimana, a volte giorno per giorno - spiega Pietro Trincanato, presidente di Traguardi -. Una produzione di regole che ha stordito e disorientato i cittadini, incapaci di raccapezzarsi sulle norme da seguire. Pensiamo che se alla popolazione si chiede collaborazione, le si debba, come minimo, chiarezza. Per questo, ora che le disposizioni nazionali e regionali sono state aggiornate, invitiamo il Sindaco a prenderne atto, adeguando le proprie ordinanze e cancellando tutte le prescrizioni in palese contrasto con le nuove regole, a partire da quelle sull'attività motoria che non prevedono più il limite dei 200 metri dall'abitazione. I cittadini hanno dimostrato di saper collaborare con le istituzioni, ora ciò di cui hanno bisogno è soprattutto chiarezza. Il progressivo ritorno alla normalità passa anche da qui».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Rinnoviamo il nostro appello all'Amministrazione - conclude Tommaso Ferrari - ora che la regione e il Paese si preparano a una lenta ripresa, che non sarà, lo sappiamo tutti, un ritorno alla normalità pre-emergenza, è bene che tutte le forze cittadine siano chiamate a collaborare. Con Traguardi durante queste settimane siamo stati in costante contatto con alcuni rappresentanti dell'economia locale, dall'imprenditoria all'agricoltura, passando per commercio, turismo, cultura e terzo settore. Abbiamo raccolto le preoccupazioni, ma anche gli stimoli di molti di loro, e l'opinione è unanime: per ripartire al meglio abbiamo bisogno di un cambio di passo. Non è il momento per "l'uomo solo al comando": il Sindaco apra un tavolo con le opposizioni, noi siamo pronti a fare la nostra parte!».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Verona un nuovo decesso e altri 35 casi positivi: tutti i Comuni di appartenenza

  • Nel Veronese sono 29 i nuovi casi positivi e 1.808 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Elezioni regionali, suppletive e referendum costituzionale: seggi aperti in Veneto

  • Picchiata dal marito: luna di miele da incubo per una sposa veronese

  • Due classi chiuse per casi positivi al virus nel Veronese: «Rispettate le precauzioni»

  • Nuovi 40 casi positivi al virus nel Veronese e 1.987 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento