Tav Verona-Pescantina, PD: «Comune in ritardo. E silenzio sugli espropri»

Altre accuse dei democratici all'amministrazione comunale: «Non ha previsto opere compensative caldamente richieste dai quartieri come la realizzazione del Parco della Spianà»

(Foto di repertorio)

«Il Comune di Verona ha rallentato la realizzazione della Tav Verona-Pescantina; non ha previsto alcun impegno a favore dei veronesi che saranno espropriati, né per individuare le aree dove ricostruire le loro abitazioni, né per seguirli nel rapporto con Rete Ferroviaria Italiana che esproprierà i loro beni; e non ha previsto opere compensative caldamente richieste dai quartieri come la realizzazione del Parco della Spianà». Le accuse sono state mosse dal Partito Democratico di Verona e sono rivolte all'attuale amministrazione comunale che, secondo il PD locale, avrebbe «rallentato la costruzione della tratta ad alta velocità ferroviaria tra Verona e Pescantina». La tratta è quella che si dovrebbe sviluppare verso Nord, permettendo al territorio scaligero di avere un collegamento più rapido con il Brennero. Una tratta che proprio nel Veronese, poi, si incrocerebbe con quella in fase di costruzione sull'asse Est-Ovest e quindi verso Milano da una parte e verso Venezia dall'altra.

Sulla Tav Verona-Pescantina, il Comune di Verona ha recentemente approvato l'atto integrativo del protocollo stipulato con Rete Ferroviaria Italiana (Rfi) nel maggio 2013. Un protocollo a cui Rfi aveva dato seguito nel settembre 2018 con un progetto preliminare. «Due anni per dare il nulla osta ad una cosa conosciuta già ai tempi del protocollo è un'incredibile perdita di tempo - fanno notare gli esponenti democratici - Questo grave ritardo è stato uno dei motivi per i quali l'apertura della linea ferroviaria veloce verso nord è slittata dal 2026 al 2028/2029. Il ritardo inciderà sulle prospettive di sviluppo del territorio, in particolare sulle sfide che dovrà affrontare Il centro intermodale Quadrante Europa, primo in Europa da anni, nel mercato logistico che punta sempre di più su Verona. È assurdo, poi, che nell'atto integrativo, nonostante il protocollo del 2013 lo preveda, non c'è alcun impegno del Comune verso i residenti che saranno espropriati delle loro abitazioni per consentire la costruzione delle gallerie previste. Il progetto preliminare contiene i terreni e gli immobili che saranno oggetto di espropri. Nonostante questo, non vi è alcun cenno alle compensazioni a favore dei residenti che saranno espropriati. Cosa impedisce di procedere su questo fronte coinvolgendo i residenti interessati e rispettare i loro legittimi diritti? Pensiamo sia più che urgente che il Comune di Verona, considerato che conosce nel dettaglio gli immobili interessati dalle demolizioni, organizzi un tavolo per confrontarsi con gli espropriandi e lavorare con loro all'individuazione dei terreni ove ricostruire. Inoltre, è necessario che il Comune si assuma la responsabilità di avviare subito un tavolo con le ferrovie per regolare con un accordo di programma i rapporti patrimoniali in gioco e volgerli a beneficio della comunità, in modo da non lasciare da soli i veronesi coinvolti dagli espropri».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Secondo il presidente dell'Ordine dei medici di Venezia il Veneto va «verso la zona rossa»

  • Speranza presenta il nuovo Dpcm: «Alle 18 nei bar stop asporto, musei aperti in zona gialla»

  • Firmato il Dpcm: rivoluzione spostamenti, bar ed enoteche stop asporto dalle 18. Le novità

  • Drammatico incidente tra furgone e camion in A22: morto un 31enne di Lazise

  • La "nuova" zona arancione: cosa cambia per il Veneto con l'ultimo Dpcm, tutte le regole 

  • Variante inglese, Crisanti: «Se c'è, allora strade d'accesso al Veneto bloccate e lockdown»

Torna su
VeronaSera è in caricamento