menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tagli alla sanità nella Bassa, consegnata la diffida a Coletto

Il documento - inviato anche al presidente della Regione Luca Zaia, al prefetto Perla Stancari e al Tribunale del malato – contiene la denuncia del vuoto sanitario a cui sono soggetti i cittadini della pianura veronese

Oggi, nella Sala Rossa del Palazzo Scaligero, il presidente Giovanni Miozzi ha convocato i sindaci della Bassa veronese per consegnare all'assessore regionale alla Sanità Luca Coletto e al presidente della Quinta Commissione consigliare regionale Leonardo Padrin il documento di diffida nell'adottare provvedimenti che comportino la dismissione o il depotenziamento degli ospedali.

Erano presenti 25 sindaci delle Ulss 21 e 22: Sanguinetto, Cerea, San Pietro di Morubio, Casaleone, Gazzo Veronese, Roverchiara, Minerbe, Bonavigo, Trevenzuolo, Erbè, Vigasio, Villabartolomea, Bevilacqua, Terrazzo, Nogarole Rocca Povegliano, Sorgà, Bovolone, Isola della Scala, Salizzole, Zevio, Buttapietra, Boschi Sant'Anna, Nogara, Castel d'Azzano.
Erano presenti inoltre Alessandro dall'Ora e Daniela Carraro, direttori generali dell'Ulss 22 e 21, oltre ai consiglieri regionali veronesi.

Il documento - inviato anche al presidente della Regione Luca Zaia, al prefetto Perla Stancari e al Tribunale del malato – contiene la denuncia del vuoto sanitario a cui sono soggetti i cittadini della pianura veronese, che rappresentano circa un quarto dell'intera popolazione della provincia. La pianura può contare su un unico ospedale di rete (Legnago), mentre nella parte nord ve ne sono addirittura cinque (Bussolengo, Azienda ospedaliera di Verona, Negrar, San Bonifacio Peschiera). I sindaci diffidano, dunque, la Regione e  le Ulss dal prendere qualsiasi iniziativa senza aver prima ascoltato il territorio.

 “Mi auguro che la Regione non sia sorda e sappia ascoltare la voce del territorio – ha detto Miozzi-. Ringrazio chi oggi è venuto a Verona, e a loro voglio dire che il nostro impegno a difesa di una sanità dignitosa non si esaurirà con questo documento. Anche perché non chiediamo privilegi particolari, per i nostri cittadini chiediamo solo un trattamento pari a quello degli altri veneti. Auspico quindi un confronto costruttivo perché, al momento, c'è disuguaglianza di servizi fra il nord e il sud della nostra provincia. In termini di strutture sanitarie, c'è un quarto dei veronesi che, se va bene, impiega almeno mezz'ora prima di raggiungere l'ospedale più vicino. Chiedo, infine, all'assessore regionale Luca Coletto, che ha ascoltato le nostre richieste, di ricordare ai direttori generali delle Ulss veronesi di non procedere a nessuno spostamento o trasferimento in assenza di nuovi atti ufficiali della Regione”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento