menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Domani primo stipendio per i parlamentari di Verona: ecco quanto guadagneranno

Sono 13 i deputati e i senatori eletti da Verona per la Camera e il Senato. Ma a parte il Movimento5Stelle, che ha annunciato di restituire la metà del compenso, gli altri onorevoli del Pd e del Pdl prenderanno lo "stipendio" pieno

Domani, 27 aprile, i parlamentari scaligeri prenderanno il loro primo stipendio, e a parte le promesse di austerity e di moderazione fatte da tutti gli schieramenti, gli unici che hanno annunciato veramente che rinunceranno alla metà del loro compenso per quest'incarico ai massimi vertici dello Stato sono stati i parlamentari del Movimento5Stelle. Quindi, i 13 onorevoli eletti a Verona, a parte gli aggiustamenti del caso, le trattenute e la percentuale dei giorni di seduta, prenderanno il loro compenso pieno. Gli eletti da Verona, lo ricordiamo, sono: Diego Zardini, Gian Pietro Dal Moro, Vincenzo D’Arienzo, Alessia Rotta, Alberto Giorgetti, Cinzia Bonfrisco, Matteo Bragantini, Stefano Quintarelli, Mario Catania, Francesca Businarolo, Mattia Fantinati, Turco Tancredi, Alessio Tacconi.

L'INDENNITA' – La cifra mensile che guadagneranno, aggiustamenti e ritocchi a parte dicevamo, sarà grosso modo questa, prevista dall'articolo 69 della Costituzione, a garanzia del libero svolgimento del mandato elettivo. A decorrere dal 1 gennaio 2012, dice la legga, l'importo netto dell'indennità parlamentare, corrisposto per 12 mensilità, è pari a euro 5.246,54, a cui devono poi essere sottratte le addizionali regionali e comunali, la cui misura varia in relazione al domicilio del deputato. Tenuto conto del valore medio di tali imposte addizionali, l'importo netto mensile dell'indennità parlamentare risulta pari a circa euro 5.000, che scende a circa euro 4.750 per i deputati che svolgono un'altra attività lavorativa.

TELEFONI E SANITA' – I parlamentari non ricevono dallo Stato un “telefono aziendale”, ma non si possono comunque lamentare: ogni deputato e senatore ha infatti diritto a 3.098,74 euro all'anno per coprire le spese telefoniche. Nemmeno le spese sanitarie sono un problema per i politici di professione, anche se in questo caso i soldi arrivano direttamente dagli stipendi: ogni parlamentare versa infatti in un fondo 526,66 euro al mese, destinati al sistema di assistenza sanitaria integrativa che eroga rimborsi secondo quanto previsto da un tariffario.

DIARIA E TRASPORTI – Deputati e senatori veronesi possono poi vedersi riconosciuti i rimborsi delle spese di soggiorno a Roma, ovvero la cosiddetta diaria, che attualmente è pari a 3.503,11 euro, ma viene decurtata di 206,58 euro per ogni giorno di assenza del deputato dalle sedute dell'Assemblea in cui si svolgono votazioni con il procedimento elettronico. Un'ulteriore taglio di 500 euro al mese può essere applicato in caso di assenze dalle sedute delle Giunte, delle Commissioni permanenti e speciali, del Comitato per la legislazione, delle Commissioni bicamerali e d'inchiesta, nonché delle delegazioni parlamentari presso le Assemblee internazionali. Nello stesso ambito si inseriscono anche i rimborsi per i viaggi: i parlamentari scaligeri dispongono di tessere per la libera circolazione autostradale, ferroviaria, marittima ed aerea per i trasferimenti sul territorio nazionale.?Inoltre per i trasferimenti dal luogo di residenza all'aeroporto più vicino e tra l'aeroporto di Roma-Fiumicino e Montecitorio, è previsto un rimborso spese trimestrale pari a 3.323,70 euro, per il deputato che deve percorrere fino a 100 km per raggiungere l'aeroporto più vicino al luogo di residenza, e a 3.995,10 euro se la distanza da percorrere è superiore a 100 km.

RIMBORSO D'ESERCIZIO – Infine, gli onorevoli scaligeri avranno diritto anche ad un "rimborso delle spese per l'esercizio del mandato" pari a 3.690 euro, corrisposto direttamente a ciascun deputato per un importo fino a un massimo del 50% a titolo di rimborso per specifiche categorie di spese come collaboratori, consulenze, ricerche, gestione dell'ufficio, utilizzo di reti pubbliche di consultazione di dati, convegni e sostegno delle attività politiche.?

?

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento