menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Valdegamberi al Consolato ucraino: "Pensino a riportare i quadri a Verona"

Il Consigliere veneto ha commentato l'iniziativa dei diplomatici dell'est europa, che avrebbero diffidato con una lettera i consiglieri che intendevano visitare la Crimea su iniziativa dello politico veronese

Il Consolato generale dell'Ucraina a Milano avrebbe scritto ai consiglieri di alcune regioni, compresa l’Emilia Romagna, una lettera di diffida a seguire l'iniziativa del Consigliere veneto Stefano Valdegamberi di visitare la Crimea.
"Rimango basito che un Paese straniero, che tra l'altro limita le libertà politiche al proprio interno, si permetta di interferire nelle iniziative politiche e personali dei consiglieri regionali di uno Stato terzo", ha commentato Valdegamberi. "Le nostre regioni si fanno portavoce delle istanze del territorio che vede centinaia di realtà economiche danneggiate dall'embargo derivante dalla crisi Ucraina. I danni alla nostra economia ammontano a diversi miliardi di euro. Il Console ci spieghi semmai che fine hanno fatto i quadri derubati al museo di Castelvecchio di Verona e si affretti a restituirli, invece di mandare lettere minacciose ai consiglieri regionali. Non mi permetterei mai di bacchettare il pensiero o le scelte dei rappresentanti delle istituzioni ucraine. Chiedo, pertanto, formalmente le scuse nei confronti dei miei colleghi consiglieri regionali, prendendo atto che, a differenza del suo Paese, la libertà di manifestare il proprio pensiero e anche l’eventuale dissenso alle scelte errate del governo e della UE qui in Italia esiste ancora".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento