«Il dilagare dell'epidemia nel nord Italia», lo spot turistico che ha fatto inc*** qualcuno

Non è piaciuto al governatore del Veneto Zaia il video che vorrebbe promuovere il turismo nella Riviera dei Gelsomini in Calabria: «Spot che offende i veneti. È sud contro nord»

Il governatore del Veneto Luca Zaia

«Un tempo queste erano mete meravigliose del turismo mondiale, ma oggi con il dilagare dell'epidemia nel nord Italia non sarà più praticabile una cultura di massa del turismo con un sistematico sfruttamento del suolo e un impatto ambientale devastante», poche parole ben precise che si leggono a corredo di un video promozionale per incentivare il turismo nella Riviera dei Gelsomini in Calabria. Uno spot, diciamo così, quantomeno poco politically correct nei confronti di quelle località turistiche che nel nord Italia hanno la loro sede, si pensi alla Liguria, all'Emilia-Romagna, al Friuli-Venezia Giulia o, appunto, al Veneto. 

Spot KlasuCondicio promozione turismo Regione Calabria

Foto frame video Youtube KlasuCondicio promozione turismo - Calabria

Inevitabile, dunque, che il video promozionale in oggetto, pubblicato su Youtube dal canale KlausCondicio che vede quale referente il giornalista e consigliere comunale nel Comune calabrese di San Luca Klaus Davi, abbia suscitato qualche, nemmeno troppo velata, rimostranza. Lo stesso presidente della Regione Veneto Luca Zaia, interpellato sull'argomento, ha chiaramente mostrato il suo disappunto in merito: «Penso che la disperazione a volte dia brutti segnali, - ha dichiarato Zaia - spero per loro che il bilancio di fine stagione sia buono. Questo spot è chiaro che è stato fatto semplicemente per far parlare gratis della Calabria, penso non sia corretto fare uno spot così e che non sia corretto far credere, direttamente o indirettamente, che il tema del coronavirus mette a repentaglio la vita di chi viene qui, questa non è correttezza istituzionale. Evidentemente, - ha poi aggiunto Zaia - si sono dimenticati delle tante brutte cose che la Calabria sa esprimere a livello nazionale e internazionale».

Il governatore del Veneto Luca Zaia ha poi rincarato la dose: «Penso che è un video poco unitario e pone una questione che è quella del "sud contro il nord", è serpeggiante e la si respira, è un brutto segnale. È un video che discredita dei territori, cioè i nostri, - ha aggiunto il presidente del Veneto Zaia - offende i nostri territori e i nostri operatori, è un video che offende i veneti. È un video che se hai il coraggio di farlo, dovresti anche avere il coraggio di chiedere l'autonomia e di mostrare quanto bravo sei a gestire i tuoi territori. Perché se quelle spiagge sono vuote c'è anche un motivo, sono talmente belle e talmente vuote che non si spiega. Questo video è stato fatto solo per avere pubblicità gratuita, lo stiamo facendo - ha detto quindi con sarcasmo Zaia - andate in Calabria, vi aspettano a braccia aperte. Io spero che il turismo resti libero, perché il turismo è libertà assoluta».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

Torna su
VeronaSera è in caricamento