Politica

"Le scene dell'Arsenale parlano di una città che rivuole i suoi spazi"

Michele Bertucco, capogruppo in comune per il Pd, ed Elisa La Paglia, consigliere sempre per i democratici, chiedono al Comune una maggiore attenzione per i luoghi di svago dei veronesi

Michele Bertucco, capogruppo per il Pd in comune, ed Elisa La Paglia, consgliere comunale sempre per i democratici, spinti dalle scene di relax immortalate sul prato dell'oasi dell'Arsenale, chiedono nuovi provvedimenti all'amministrazione comunale per gli spazi pubblici. Facendo riferimento in particolare alla politica attuata dal sindaco Tosi, reo secondo l'opposizione, di essersi "dimenticato" degli spazi sociali.

"Le scene di svago attorno (e dentro) la vasca dell'Arsenale parlano di una città, e in particolare della sua componente giovane, che vuole riprendersi i suoi spazi. E dimostrano quanto poco sia stata compresa la politica di divieti inaugurata 5 fa anni dal sindaco, non a caso presto abbandonata dietro colossali flop quale quello dell'ordinanza anti-panino. Restano invece irrisolti i nodi riguardanti gli spazi di socialità e dei servizi urbani che ancora mancano sia per i residenti che per i turisti. Basti guardare alla politica sui grandi parchi pubblici ridotti a fantasmi di se stessi in quanto privati di ogni progettualità: quello dell'Adige, delle Mura, delle Colline e della Spianà. I parchi sono servizi sociali a tutti gli effetti e da anni attendono piani ambientali in grado di stabilirne identità e funzioni. Allo stesso modo i servizi per i turisti con le aree pic-nic si trovano abbandonati non solo ai giardini di piazza Indipendenza ma anche dietro le mura di via Pallone o in piazza Pradaval. In attesa di sentire da questa nuova amministrazione proposte nuove, serie e sensate, la invitiamo a riflettere sulle scene dell'Arsenale e ad integrare, se altro non sa fare, le delibere sul decoro urbano introducendo l'uso della cuffia in fontane e vasche comunali."

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Le scene dell'Arsenale parlano di una città che rivuole i suoi spazi"

VeronaSera è in caricamento