Soldi ai terremotati ma rispettando il Patto di Stabilità. Tosi: "Assurda ottusità"

Il sindaco di Verona aveva chiesto di poter donare parte dell'avanzo di amministrazione per la ricostruzione nei Comuni distrutti dal sisma. La Ragioneria di Stato ha risposto negativamente

"La Ragioneria Generale dello Stato ha risposto negativamente alla nostra proposta di poter utilizzare parte dell'avanzo di amministrazione degli enti locali per donazioni ai comuni colpiti dal sisma per la sistemazione di opere pubbliche, strade, scuole danneggiate. La Ragioneria Generale specifica che l'utilizzo dei fondi per questa finalità può avvenire soltanto se non penalizza il Patto di Stabilità del Comune di Verona. Spiace che ci siano queste rigidità normative e burocratiche perché Verona ha più di 100 milioni di euro bloccati dal Patto di Stabilità, risorse concretamente disponibili. Questa decisione dà l’idea della palude burocratico-amministrativa in cui è impantanato il Paese e dimostra ulteriormente l'urgente bisogno di riforme importanti". Lo ha detto oggi, 14 gennaio, il sindaco di Verona Flavio Tosi.

"In un paese normale - ha concluso Tosi - se un Comune volesse donare milioni di euro a un altro Comune colpito da calamità naturale verrebbe lodato e ringraziato, non bloccato nella sua iniziativa solo perché lo Stato preferisce trattenersi i soldi del Patto di Stabilità. L'invito al Governo e al ministro Padoan è di metter mano a questo assurdo e ottuso impianto normativo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • È di Stallavena il secondo panettone artigianale più buono d'Italia

  • Guai per una cooperativa: scovati 240 lavoratori irregolari e 7 in "nero"

  • Rapina finita nel sangue: chiude il centro del paese per ricostruire l'omicidio

  • McDonald’s: apre il ristorante di Bussolengo

  • Tamponamento tra auto e tir, sei feriti: uno è grave. Coinvolti due bambini

Torna su
VeronaSera è in caricamento