Il PD difende Mattarella a Verona. "Trasmettiamo la nostra indignazione"

Parlamentari ed esponenti politici del Partito Democratico hanno parlato di fronte a circa 200 cittadini ai Giardini di Piazza Indipendenza. "Siamo ad un punto nodale della storia della Repubblica"

Due manifestazioni, due piazze, per una Verona divisa come divisa sembra essere l'Italia in questo momento. Divisa in due: chi attacca e chi difende il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, dopo lo stop prima (ancora della partenza) al governo Conte sostenuto da Lega e Movimento 5 Stelle. Chi ieri, 28 maggio, anche da Verona, ha attaccato il presidente Mattarella è stato il Movimento 5 Stelle con un sit in organizzato in Piazza dei Signori. Il PD ha invece difeso Mattarella dai Giardini di Piazza Indipendenza, insieme a circa 200 cittadini.

Siamo a un punto nodale della vita della nostra Repubblica. Difendere con il voto di settembre, o quando sarà, quello che finora il Paese ha conquistato, come la salvezza e la sicurezza nei conti pubblici, oppure scegliere un'altra cosa, indefinita, al di fuori della casa comune europea.

Queste, in sostanza, le parole pronunciate dal parlamentare veronese del PD Vincenzo D'Arienzo, presente ieri a Verona per sostenere il presidente Mattarella. Insieme a lui, sono intervenuti anche altri parlamentari e la consigliera regionale Orietta Salemi.

Dobbiamo decidere che non ci sta bene questa rassegnazione e questa assuefazione alla volgarità e alla violenza verbale, che purtroppo è stata indirizzata anche verso chi rappresenta le istituzioni - ha aggiunto Salemi - Il nostro impegno non deve essere quello di arrabbiarci o di urlare, ma di indignarci e di trasmettere in maniera contagiosa questa nostra indignazione.

Infine, la parlamentare Alessia Rotta ha sottilineato che la scelta del luogo della manifestazione non è stata casuale, "un luogo simbolico della Resistenza", ha detto e ha descritto il metodo di condotta utilizzato da Lega e 5 Stelle, un metodo fatto di "bugie e minacce".

E a Verona, schierato dalla parte di Mattarella, c'è anche Giorgio Pasetto, presidente di Area Liberal. Pasetto chiede di "organizzare una resistenza civile che faccia breccia contro le urla nelle piazze, le menzogne raccontate scientificamente agli elettori, i falsi programmi di governo, contro gli ultimatum e le minacce al Presidente della Repubblica, contro chi vuole far saltare il sistema Italia".

Chiedo ai cittadini silenti anche nella nostra città di non avere paura a contrastare questa cultura sfascio-leghista che ha visto unirsi Salvini e Di Maio in una farsa e una aggressione politica senza precedenti - scrive Pasetto - Salvini non ha mai voluto andare al Governo per impossibilità di mantenere le folli promesse elettorali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, come cambiano le regole a Verona per il Ponte dell'Immacolata

  • Bozza Dpcm: coprifuoco Natale e Capodanno (rafforzato), sì pranzi ristorante in zona gialla

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 4 all'8 dicembre 2020

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Covid-19, in Veneto 107 decessi in 24 ore. 27 tra Verona e provincia

  • Un hotel extra lusso nel cuore di Verona al posto degli ex uffici Unicredit

Torna su
VeronaSera è in caricamento