Venerdì, 15 Ottobre 2021
Politica Centro storico / Via Roma

"Sfiderò anche Salvini ma non si tratta di uno scontro". La corsa di Tosi verso le primarie

Il primo cittadino veronese parla delle future elezioni che dovranno stabilire chi andrà a sfidare Matteo Renzi nella prossima corsa per Palazzo Chigi. "Potranno esserci due, tre candidati della Lega, o cinque di Forza Italia"

Non si tratta di un vero e proprio scontro ma solamente di una sana e positiva competizione. Questo almeno è il pensiero di Flavio Tosi, che in settimana si è detto pronto a sfidare il segretario della Lega Nord Matteo Salvini nelle primarie del centrodestra, per poi lanciare anche la sua fondazione Ricostruiamo il Paese. 

"Non è uno scontro quello fra me a Salvini - afferma Tosi sulle pagine de L'Arena - perché le primarie sono una competizione positiva. Dove potranno esserci due, tre candidati della Lega, o cinque di Forza Italia, insomma una decina di candidati di centrodestra che si confronteranno fra di loro, con i loro progetti e programmi, e poi gli italiani decideranno. I cittadini non sceglieranno in base all'appartenenza partitica, ma appunto valutando e indicando le persone che ritengono più adatte a guidare il centrodestra". Il primo cittadino veronese poi torna su alcuni concetti espressi oltre un anno fa, quando lanciò la propria fondazione: "Ci sono stati venti anni di indiscutibile leadership di Berlusconi. Ma se si vuole competere con il prossimo avversario, Renzi, altrimenti si perde, non può essere Berlusconi a sfidare Renzi. Quindi bisogna far scegliere agli italiani quali saranno i futuri leader. Non un uomo solo al comando, ma una squadra di giovani leader che emergono nel centrodestra". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sfiderò anche Salvini ma non si tratta di uno scontro". La corsa di Tosi verso le primarie

VeronaSera è in caricamento