rotate-mobile
Politica Centro storico / Piazza Bra

Si decide sul terzo mandato di governatori e sindaci, Tosato: «Non passerebbe nemmeno col voto del Pd»

È previsto per giovedì il voto sul cosiddetto "terzo mandato", ma il senatore veronese della Lega Paolo Tosato, firmatario degli emendamenti, si è detto scettico circa la possibilità che vengano approvati

Nella giornata di domani, giovedì 22 febraio, è previsto il voto della Commissione affari costituzionali del Senato con riferimento ai 41 emendamenti al decreto elettorale e, tra questi, anche quelli presentati dalla Lega in merito all'ipotesi del cosiddetto "terzo mandato" per i sindaci e i governatori di Regione. In Veneto, dove l'attuale presidente Luca Zaia governa dal 2010, si voterà nel 2025 ed il tema è particolarmente sentito.

Se per i Comuni e dunque i sindaci il limite dei due mandati consecutivi è abbastanza chiaro, in realtà la situazione per quanto riguarda i presidenti di Regione è un po' più complessa. In Veneto, tuttavia, il limite è ad ogni modo netto poiché è stato esplicitato in un'apposita legge regionale del 2012 (art. 6, comma 2) che, sul punto specifico, disponeva attraverso una norma transitoria (art. 27, comma 2) che tale limitazione si applicasse comunque solo «con riferimento ai mandati successivi alle elezioni effettuate dopo la data di entrata in vigore della presente legge» (motivo per cui il governatore Luca Zaia è, legittimamente, già nel corso del suo terzo mandato e si profilerebbe eventualmente il quarto).

Il firmatario degli emendamenti per consentire il cosiddetto "terzo mandato" ai governatori delle Regioni è il senatore veronese della Lega Paolo Tosato. Durante un'intervista rilasciata alla trasmissione "Un giorno da pecora" su Rai Radio1, Paolo Tosato, proprio con riferimento al governatore Zaia, ha dichiarato: «Auspichiamo che possa continuare il suo mandato, gli elettori lo vogliono». Interpellato però poi in merito ai suoi emendamenti al voto domani, il senatore Paolo Tosato ha aggiunto: «Non ho grandi aspettative sul fatto che vengano votati, anche se Pd, Azione e IV stessero con noi - ha evidenziato Tosato - non ci sarebbero i numeri, perché anche i 5S sono contrari».

Il senatore veronese della Lega ha quindi ribadito: «Noi però non facciamo passi indietro, ognuno si deve prendere le proprie responsabilità. Andremo probabilmente incontro ad una sconfitta certa ma vogliamo mantenere le nostre posizioni. Vediamo se il governo darà parere contrario sull’emendamento per i sindaci, da quello che so sembra che il parere sarà negativo. In questo caso - ha concluso Tosato - continueremo la battaglia su quello per i governatori».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si decide sul terzo mandato di governatori e sindaci, Tosato: «Non passerebbe nemmeno col voto del Pd»

VeronaSera è in caricamento