Domenica, 17 Ottobre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riapertura delle scuole, Ferrari: «Verona non si faccia trovare impreparata»

Il consigliere comunale di Traguardi chiederà la convocazione di una commissione urgente sulla scuola. «È fondamentale evitare il ritorno alla didattica digitale»

Studenti, professori e operatori scolastici, giustamente, si stanno godendo le vacanze estive. Ma tutto ciò che ruota intorno alla scuola, in questo periodo, si dovrebbe impegnare per permettere ai ragazzi e agli insegnanti di poter rientrare nelle aule in sicurezza, a settembre. E per il movimento civico di Verona Traguardi, le famiglie cominciano ad essere un po' preoccupate per una pianificazione dei trasporti scolastici che ancora non sarebbe del tutto definita. «Da una richiesta di accesso agli atti che abbiamo inoltrato ad Atv, emerge che "è in fase di elaborazione una proposta che sarà inviata all'Ente di Governo"», ha spiegato Tommaso Ferrari, consigliere comunale di Traguardi. «La risposta ci lascia perplessi - ha aggiunto - Nonostante manchino ancora due mesi all'avvio delle lezioni, non si può arrivare tardi all'appuntamento con la prima campanella. Ecco perché chiederò la convocazione urgente di una commissione consiliare straordinaria per far luce su come il Comune stia gestendo la riapertura dei plessi, anche dal punto di vista degli spazi da mettere a disposizione, eventualmente, degli istituti che ne sono carenti. È indubbio che il Municipio non può essere responsabile di ogni aspetto che riguarda la scuola, ma siamo convinti che il compito della politica sia quello di disegnare scenari per non farsi trovare impreparati. E visti i precedenti, è fondamentale evitare il ritorno alla didattica digitale per motivi che non sono strettamente connessi alla gestione dell'emergenza sanitaria».

Per Traguardi, l'obiettivo verso il quale puntare dev'essere quello di organizzare per tempo la riapertura delle scuole e i relativi servizi di supporto, per garantire la sicurezza di bambini e ragazzi e dare certezze alle famiglie. «Studenti, studentesse e famiglie non possono rimanere il fanalino di coda delle politiche cittadine, come purtroppo è stato nell'ultimo anno - ha sottolineato Beatrice Verzè, vicepresidente di Traguardi - Pensiamo alla questione della Biblioteca Civica e delle biblioteche di quartiere, presidi fondamentali per gli studenti che però, in parte, sono ancora paralizzate. La Verona di domani vuole essere in grado di gestire le emergenze tramite la previsione degli scenari, mettendo la scuola in cima alla lista delle priorità. Motivo per cui ci auguriamo che le famiglie e le rappresentanze studentesche vengano coinvolte nella programmazione».

Sullo stesso argomento

Video popolari

Riapertura delle scuole, Ferrari: «Verona non si faccia trovare impreparata»

VeronaSera è in caricamento