Veronetta, scritta sul muro davanti a Info-Spazio 161. «Intimidazione»

La scritto è apparsa nella notte fra il 31 ottobre e l'1 novembre, sul muro di un palazzo storico, davanti ad uno spazio di informazione critica, che funge anche da magazzino e da archivio autogestito

La scritta lasciata su un muro di Veronetta

Nella notte fra il 31 ottobre e l'1 novembre, sul muro di un palazzo storico di Veronetta, è comparsa una scritta che, ironizzando sul cognome di un nostro compagno, è invece una chiara minaccia alla sua persona. Lo è ancor di più in quanto è stata lasciata non a caso davanti ad Info-Spazio 161 di via Muro Padri 12a, laboratorio di resistenza che da tempo ha alzato la propria serranda in quartiere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La denuncia è giunta dagli attivisti di Info-Spazio 161, un punto di informazione critica, che funge anche da magazzino e da archivio autogestito, aperto a Veronetta. L'Info-Spazio 161 viene definito come uno «strumento per realtà e soggetti che condividono metodi di auto-organizzazione politica e che sono legati alla critica al sistema economico liberista riconoscendosi nei valori dell'ecologismo, del femminismo e dell'antifascismo». Gli attivisti che lo animano si sentono però minacciati da CasaPound, il movimento identitario che a Verona ha una base nel locale Il Mastino di via Mazza 61, sempre a Veronetta. «I fascisti di CasaPound si dimostrano il contrario di ciò che vorrebbero essere - scrive in una nota ufficiale l'Info-Spazio 161 - Parlano di ordine e decoro, quando sono i primi ad usare il quartiere di Veronetta come un quaderno su cui scarabocchiare durante le loro notti di balordia. I messaggi che lasciano sono sempre gli stessi: odio, intolleranza e minacce. La nullità di proposte politiche di CasaPound porta come sempre i fascisti a prendere di mira singoli individui, che diventano gli oggetti delle loro minacce ed intimidazioni; questi ultimi invece sono persone note per lo svolgimento del lavoro sociale importante per la città in quartiere, cosa che evidentemente dà un po' fastidio. Dopo le minacce di quest’estate sul posto di lavoro di due compagni, gli atteggiamenti dei camerati veronesi non sembrano essere cambiati. Pensano di mettere a tacere delle idee e delle pratiche facendo terrorismo su poche persone, ma sappiamo benissimo che la solidarietà e la politica dal basso, quella vera, sono armi ben più forti degli atteggiamenti squadristi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

  • Gardaland annuncia la data della riapertura ufficiale: attrazioni all'aperto tutte disponibili

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento