Sanità pubblica, Anna Maria Bigon: «Servono investimenti e non tagli»

La candidata alle elezioni regionali con il Partito Democratico mette in luce le carenze del sistema sanitario veneto: «Abbiamo liste di attesa lunghissime e una minore dotazione di personale medico nelle strutture pubbliche o equiparate»

Bigon

«L'emergenza Covid ha riportato alla luce l'importanza e l'urgenza di una sanità pubblica, specie sul nostro territorio. Dopo anni di tagli, è giunto dunque il momento di invertire la rotta, sfruttando anche i soldi che arriveranno dall’Europa col Recovery Fund e garantire il diritto a cure di qualità a tutti i cittadini, indipendentemente dal portafoglio di ognuno». A dirlo è Anna Maria Bigon, candidata alle elezioni regionali con il Partito Democratico. Un commento sorto dopo la lettura della ricerca commissionata ad Ires Veneto dalla Cgil regionale.

«Se nel periodo peggiore dell'epidemia il Veneto ha risposto a meglio delle sue possibilità, è stato grazie al gran lavoro del personale in forze e alla dimensione territoriale, tratto caratteristico di un sistema che come PD abbiamo difeso e continueremo a difendere», ha incalzato Bigon, la quale mette in guardia dai tentativi di imposizione di un modello ospedalecentrico. «Un sistema che ha evidentemente fallito - ha aggiunto - La ricetta è solo una: investire in maniera cospicua nel pubblico, altrimenti i conti non tornano. Abbiamo liste di attesa lunghissime, una minore dotazione di personale medico nelle strutture pubbliche o equiparate (19,2 ogni 10mila abitanti contro il 22,7 nazionale) dove mancano 1.300 medici. E per quanto riguarda la medicina generale, la situazione è particolarmente grave proprio nel Veronese, dove si concentrano 110 delle 326 zone carenti, un terzo di tutto il Veneto. Con conseguente boom degli accessi, anche impropri, al pronto soccorso e una forte crescita (+10%) dei codici bianchi. Cui si aggiungono i 79 incarichi vacanti di continuità assistenziale su 415 totali, che ci vedono secondi soltanto alla Marca Trevigiana».

Per la candidata del PD, il sistema sanitario veneto sarebbe azzoppato dai ritardi della programmazione. «Ad oggi risulta infatti attuato soltanto il 59% dei posti letto programmati nelle cosiddette strutture intermedie, per le unità riabilitative la copertura è del 55% ma a Verona non è stato attivato alcun posto letto, mentre la media di ore erogate per ciascun paziente con l’assistenza domiciliare integrata è inferiore della metà del dato nazionale - ha ricordato Bigon - Da un lato c'è l'insufficienza di posti letto per le patologie tumorali, dall’altro l'inadeguatezza del fondo per la non autosufficienza, che copre appena il 70% delle richieste di residenzialità nelle case di riposo. Il diritto alla salute e alle cure dovrebbe essere universale, ciò a cui assistiamo oggi è invece un discrimine sempre più accentuato, che costringe tanti utenti a rivolgersi al privato: nel triennio 2016-2018 la spesa sanitaria a carico del cittadino è aumentata di 340 milioni di euro e, nel solo 2018, quella per le prestazioni di specialistica ambulatoriale è cresciuta di 24 milioni. Zaia e la Lega si vantano di non mettere le mani nelle tasche dei veneti, ma ciò che tanti ignorano è che questa è una vera e propria tassa occulta, e non indifferente, di cui a fare le spese sono ancora una volta le fasce più deboli della popolazione».

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Bozza Dpcm: coprifuoco Natale e Capodanno (rafforzato), sì pranzi ristorante in zona gialla

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Covid-19, in Veneto 107 decessi in 24 ore. 27 tra Verona e provincia

  • Un hotel extra lusso nel cuore di Verona al posto degli ex uffici Unicredit

  • Il Veneto resta zona gialla, ora è ufficiale. Presidente Zaia: «Non abbassiamo la guardia»

Torna su
VeronaSera è in caricamento