rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Politica

Sanit, Irpef e tagli per ripianare il buco milionario

Il governatore Luca Zaia chiarisce: "Al momento non stiamo discutendo di nuove tasse"

Per il buco della sanità veneta alla fine a pagare saranno i cittadini. A poco servono gli scarica barile e le accuse di questi ultimi giorni tra l’ex governatore Giancarlo Galan e la Lega Nord, che di fatto, con 4 assessori in 6 anni, ha monopolizzato la sanità regionale. La questione principale è capire a quanto ammonta il deficit. Valutazioni pessimistiche parlano di una vera e propria voragine di 1 miliardo di euro.

Le strade che la Giunta Zaia potrebbe percorrere per ripianare il deficit sono due. La prima è abbassare i tetti di spesa delle singole Uls, rischiando un impoverimento del servizio. La seconda è quella di aumentare le tasse ai cittadini. L’ipotesi numero uno sembra quella meno probabile perché nessuno in Regione vuole mettere in discussione l’eccellenza del servizio sanitario. Quindi la strada che potrebbe essere seguita è proprio quella dell’aumento delle tasse con la reintroduzione dell’addizionale Irpef. Esclusa la reintroduzione del ticket, considerata troppo gravoso per i redditi più bassi.


"La sanità regionale non corre alcun pericolo", ha detto Zaia a margine di un incontro con Renzo Tondo, presidente del Friuli Venezia Giulia. Il governatore ha aggiunto che "al momento non stiamo discutendo di nuove tasse. Siamo invece concentrati nella redazione del libro bianco il che non significa che la sanità del Veneto sia messa male. Assolutamente". Prima di prendere qualsiasi decisione, quindi, si vuole capire a quanto ammonta realmente il disavanzo. Il passo successivo è il varo di un nuovo documento programmatico che stabilisca come e dove agire. Una volta stilato, questo documento dovrà essere inserito all’interno del bilancio regionale per capire realmente quanto i progetti futuri costino alla Regione. Solo a qual punto verrà presa una decisione sull’aumento delle tasse.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanit, Irpef e tagli per ripianare il buco milionario

VeronaSera è in caricamento