Gonfaloni veneti al posto del tricolore nei Comuni, Orietta Salemi scrive a Mattarella

Dura presa di posizione dell'esponente Pd Orietta Salemi dopo gli episodi di sostituzione della bandiera italiana in alcune sedi di Comuni della regione Veneto: "Autonomia delle realtà locali non significa svilimento di valori e simboli nazionali"

La lettera indirizzata al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella dalla consigliera regionale veronese Orietta Salemi - ph Facebook

«Ho preso carta e penna per scrivere al nostro Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. I casi della cima Marmolada, Colognola ai Colli, Treviso e Vicenza e di tanti altri Comuni del Veneto dove al posto della bandiera tricolore sono stati issati i gonfaloni veneti, non possono essere più considerati casi isolati». Così l'esponente veronese del Partito Democratico Orietta Salemi, congliere regionale in Veneto e già candidata alla poltrona di sindaco del capoluogo scaligero durante le ultime elezioni amministrative.

«Ammainare il tricolore è offendere la memoria del sangue versato da migliaia di giovani italiani che si sono battuti sul nostro fronte alpino nella Grande Guerra. - ha ancora spiegato Orietta Salemi in una nota - Autonomia delle realtà locali non significa svilimento di valori e simboli nazionali. Aggiungiamo pure ogni insegna o bandiera delle nostre terra, ma a fianco e non al posto del tricolore».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Sbanca a L'Eredità, dipendente comunale pensa ai colleghi in difficoltà

  • Terremoto nella Bassa Veronese: registrate tre scosse ravvicinate

  • Il cordoglio della politica veronese per la scomparsa di Roberto Puliero voce della città

  • «Grassie», la poesia di Roberto Puliero per chi lo ha avuto in cura

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

Torna su
VeronaSera è in caricamento