Pdl si ritrova in città per fare il punto su sanità, welfare e impresa

Fronte comune per affrontare la "questione settentrionale". Questa la linea che hanno deciso di darsi i gruppi regionali del Popolo della libertà di Veneto e Lombardia che oggi si sono ritrovati nella sede del Coordinamento regionale

Una strategia comune per affrontare al meglio la "questione settentrionale" senza proclami o provocazioni bensì con spirito concreto e realistico. È questa la linea che hanno deciso di darsi i gruppi regionali del Pdl di Veneto e Lombardia che oggi si sono ritrovati nella sede del Coordinamento regionale del Pdl a Verona in via del Perlar. Tra i veneti erano presenti il capogruppo del Pdl in Consiglio regionale Dario Bond, il suo vice Piergiorgio Cortelazzo, il coordinatore regionale Alberto Giorgetti e il suo vice Marino Zorzato. A rappresentare la Lombardia il capogruppo del Pdl in Consiglio regionale Paolo Valentini, il presidente della Commissione Sanità Sante Zuffada e il sottosegretario alla Presidenza della giunta Paolo Alli. Assenti giustificati i colleghi del Piemonte, che hanno comunque dato la loro adesione.

Si tratta del secondo incontro del gruppo allargato, il primo si era svolto a Milano qualche settimana fa. "L'obiettivo - spiegano Bond e Cortelazzo, accanto ai coordinatori regionali Giorgetti e Zorzato - è quello di portare avanti iniziative legislative simultaneamente. Solo così possiamo garantire loro un maggior peso politico".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Artigiano muore folgorato in strada mentre lavora: inutili i soccorsi del 118

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 17 al 19 gennaio 2020

  • Trovano un vero arsenale nella sua casa: 42enne finisce in manette

  • Operaio morto sul lavoro a Legnago, assolto rappresentante dell'azienda

  • Tocca con la motosega i cavi dell'alta tensione: non c'è stato scampo per il 46enne

Torna su
VeronaSera è in caricamento