menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Regione alla Lega, Gentilini: Partita aperta

Regione alla Lega, Gentilini: Partita aperta

Regione alla Lega, Gentilini: Partita aperta

Il sindaco sceriffo riapre la partita in favore del Pdl, ma Bossi ha gi deciso

Sembra che non sia certa la candidatura di Luca Zaia in Regione. Anzi a dire il vero sembra che non sia certo nemmeno che spetti alla Lega. A sollevare il dubbio è il mentore del nostro Flavio Tosi: Giancarlo Gentilini, già sindaco-sceriffo di Treviso.

“Al momento sulle candidature per il centrodestra alla presidenza della Regione Veneto nulla é stato ancora deciso". Gentilini va controcorrente, perchè proprio stamattina lo stesso Senatur ha dichiarato: “Per adesso abbiamo solo il Veneto". “Alla Lega - ha aggiunto il ministro Roberto Calderoli - spetta o la Lombardia, che ha circa 9 milioni di abitanti, o il Veneto ed il Piemonte, che come numero di abitanti arriva vicino alla Lombardia”. Sembra scontato, quindi. Ma fino a una settimana fa sembrava che fosse scontata anche la canditatura della Lega in Piemonte, mentre anche lì i giochi si sono riaperti.  Insomma se i conti sembravano semplici, in realtà le cose sono più complicate: “Tutti i giochi sono ancora da fare - ha chiosato Gentilini - perché ci sono troppe cose ancora da affrontare all'interno della maggioranza di governo, e quindi nel centrodestra". Gentilini rilancia, quindi, il dubbio che da settimane hanno gli esponenti del Pdl veneto. C’è un sacco di confusione anche sul candidato, sempre che la scelta ricada sulla Lega. Per l’ex sindaco di Treviso le porte sarebbero ancora aperte sia per Tosi che per Zaia, aggiungendo pure Manzato, l’attuale vicegovernatore. Bossi non ha ancora confermato Zaia: “Per ora sappiamo solo di avere questa Regione, sono i giornalisti che fanno solo casino”. Tutto sembra quindi essere tornato in alto mare. Anche se Matteo Bragantini, segretario provinciale leghista, non ha  dubbi: “Io non commento le parole di Gentilini. Per me vale quello che ha sempre detto Bossi, e cioè che il Veneto è della Lega”.
Per la sinistra i papabili sono Calearo, Saccardin, Reolon, Zoggia, la Rubinato e la Puppato. Quest’ultima sembra in pole, è la preferita della Filippin.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento