Politica Centro storico / Piazza Bra

Salta l'elezione in Regione dell'assessore Rando per un errore di copiatura

In un seggio, i voti ricevuti da Filippo Rando erano 14, ma nella trascrizione sono diventati 141. Senza quelle 127 preferenze, l'assessore non andrà in Regione. Al suo posto la 29enne Alessandra Sponda

Filippo Rando

Alcuni potranno anche non crederci, ma è così: a volte un evento molto piccolo può avere conseguenze molto grandi. E quello che è successo a Verona nelle ultime elezioni regionali potrebbe esserne una dimostrazione: un piccolo errore potrebbe far saltare un complesso gioco di incastri politici.

L'ERRORE

Manca solo la comunicazione ufficiale ma l'assessore comunale allo sport Filippo Rando potrebbe non essere più tra i veronesi eletti al consiglio regionale. Inserito nella lista del presidente Luca Zaia, Rando sembrava aver raggiunto un numero di voti sufficiente ad essere eletto, ma quel numero era sbagliato. Come spiegato da Lillo Aldegheri sul Corriere di Verona, per un errore di copiatura del verbale ufficiale di un seggio elettorale, a Rando sarebbero state assegnate 127 preferenze in più, perché nella copia del verbale le 14 preferenze di Rando erano diventate 141. Senza quei 127 voti, Rando non è più tra gli eletti, perché la 29enne Alessandra Sponda avrebbe 109 preferenze in più di lui. Quindi, una volta ufficializzato il numero esatto dei voti di Rando, sarà aggiornata la lista dei veronesi che andranno a Venezia, con la sostituzione del nome di Rando con quello di Sponda.

LE CONSEGUENZE

La prima conseguenza, dunque, è che Filippo Rando resterà assessore del Comune di Verona. La sua poltrona non si libererà e questo potrebbe rompere i nuovi equilibri politici che devono essere trovati all'interno della giunta del sindaco Federico Sboarina. Una giunta che comunque un assessore lo perde, perché Daniele Polato è stato eletto in Regione. Il posto di Polato potrebbe essere preso da uno degli attuali consiglieri comunali di maggioranza (Anna Grassi, Stefano Bianchini o anche Daniele Perbellini), ma la lista Verona Domani potrebbe rimanere delusa, perché la sua richiesta di avere due assessori in giunta potrebbe non essere esaudita, ora che il posto di Rando non è più disponibile.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salta l'elezione in Regione dell'assessore Rando per un errore di copiatura

VeronaSera è in caricamento