Politica

Provincia, sul traforo rottura tra Lega e Pdl

Venturi: "Miozzi smetta di fare il militante An, qui la maggioranza leghista"

È braccio di ferro Pdl-Lega sul traforo, e la battaglia si sta consumando in Provincia. Se il sindaco Flavio Tosi sta tirando dritto per la sua strada a testa bassa, gli ex An Massimo Giorgetti, assessore regionale e coordinatore cittadino del Pdl, e Giovanni Miozzi, presidente della Provincia, fanno ostruzionismo acconsentendo al referendum promosso per interpellare i cittadini sul Passante delle Torricelle. Tutto ciò ha fatto scendere il gelo tra le due forze politiche alleate.

Giusto ieri, il capogruppo della Lega in Provincia Fabio Venturi ha sferrato, durante il Consiglio, l’ultimo attacco nei confronti di Miozzi. “Referendum sul Traforo? Ok. Allora facciamolo anche sul Motorcity e sul Centro intermodale e Polo logistico di Isola della Scala” ha detto Venturi, in aula. La provocazione diventerà presto una proposta e andrà votata, trovando quasi sicuramente l’appoggio della minoranza. “Miozzi deve smetterla di parlare da ex militante di An, in veste di presidente, perché qui la maggioranza siamo noi” ha concluso il leghista, facendo zittire il presidente. La replica è stata affidata al vicecapogruppo del Pdl Giacinto Albanese: “Se il presidente non può esprimere la propria opinione come fa Tosi, allora qualcosa non quadra. Bisogna chiarirsi. Siamo tutti favorevoli all’opera. Di cosa abbiamo paura visto che sia in Comune che in Provincia abbiamo il 60% almeno dei consensi?”. Il piccolo uragano che si sta schiantando in Provincia potrebbe diventare ancora più grande dopo la vittoria di Luca Zaia in Regione. La Lega potrebbe anche votare una mozione di sfiducia nei confronti di Miozzi e far saltare la Giunta provinciale, per poi correre subito dopo anche per i Palazzi Scaligeri con un suo candidato.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provincia, sul traforo rottura tra Lega e Pdl

VeronaSera è in caricamento