Arsenale, rinviato termine del bando. Deciderà la prossima amministrazione

Doveva concludersi il 26 maggio, ma è stata concessa una proroga al 20 giugno. Pare che oltre ad Italiana Costruzioni ci sia un'altra impresa interessata, la Pessina Costruzioni

Doveva essere un bando rapido, 35 giorni e poi l'aggiudicazione con l'inizio dell'estate. Queste erano le previsioni del sindaco Flavio Tosi. Previsioni disattese dal prolungamento del bando per i lavori di riqualificazione dell'Arsenale tramite project financing. Bando che doveva scadere il 26 maggio, venerdì scorso, e che invece ora scadrà il 20 giugno

Questo perché sembra che adesso non ci sia solo Italiana Costruzioni ad essere interessata. Un'altra impresa ha manifestato il suo interesse. "Pare essere la Pessina Costruzioni - scrive il candidato sindaco Michele Bertucco - Si è detta fortemente e seriamente interessata a partecipare alla gara ma ha chiesto una proroga di almeno 60 giorni in considerazione del termine oltremodo esiguo previsto dal bando; vista la complessità dell'oggetto della concessione, la mole della documentazione da presentare e la necessità di far asseverare la proposta. A questo punto, sul destino del project deciderà la prossima amministrazione".

La voce dell'interesse da parte del gruppo Pessina non è rassicurante per il Movimento 5 Stelle. "Si tratta dello stesso gruppo già noto per il salvataggio de L'Unità, il giornale del PD - scrive il candidato sindaco M5S Alessandro Gennari - Guarda caso, da quando il salvataggio è avvenuto, sarebbero arrivate le grosse commesse in Italia e all'estero. Verona merita che il nostro patrimonio resti tale e che si scelga una capacità amministrativa nuova, per pianificare il futuro della città senza dover vincolare la cittadinanza intera a pagare per anni le scelte politiche di chi evidentemente vuole trattare la nostra storia come merce su una bancarella. Si ritiri questo bando prima che diventi una spada di Damocle sui veronesi e sulla prossima amministrazione. L'impegno del Movimento 5 Stelle non cambia: faremo tutto il possibile per riportare l'Arsenale nelle mani dei suoi veri proprietari, i veronesi, valorizzandolo come polo culturale e dell'innovazione e conservando un monumento unico, che rientra in quello che l'Unesco ha decretato dal 2000 patrimonio dell’umanità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La città di Verona con le sue inestimabili meraviglie diventa protagonista in tv sulla Rai

  • A Verona la migliore escort dell'anno 2019: «Prima facevo l'aiuto cuoco»

  • Vince 75mila euro a L'Eredità e si taglia i capelli con Flavio Insinna

  • Possibili rischi per la salute, ritirato formaggio prodotto a Cerea

  • Donna morta annegata nella Bassa veronese: recuperato il cadavere

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

Torna su
VeronaSera è in caricamento