Sanità e nomine Ulls, Laura Puppato: “Consiglio dovrebbe sfiduciare Zaia"

Non si arresta il fiume di polemiche che ha investito il Governatore della Regione Veneto, in seguito alle nomine dei nuovi dirigenti Ulss. Ad attaccare nuovamente Luca Zaia è stata la senatrice del Pd eletta in Consiglio regionale Laura Puppato

Non si placano le polemiche suscitate dalla gestione delle nomine regionali in Veneto, operate dal Governatore Luca Zaia, nell'ambito della Sanità locale. Lo aveva già fatto nei giorni scorsi, ma Laura Puppato non si dà pace ed è tornata ad attacare l'operato dell'esponente di spicco della Lega Nord Zaia, arrivando a chiedere persino che il Consiglio regionale valuti l'ipotesi di votarne la sfiducia: "Assisto incredula alla piccola ma prepotente rivoluzione neo centrista promossa da Zaia sul delicato, importantissimo tema della sanità. Negando le normali regole democratiche decide con atto di imperio di nominare un ridotto numero di direttori generali a macchia di leopardo, senza corrispondenze comprensibili ad alcuna delle ipotesi in campo. Un atto che produce una controriforma mai approvata e dunque mai legittimata dall’unico organo che può legiferare ovvero il Consiglio Regionale, essendo il Presidente e la sua Giunta organi esecutivi non legislativi. Vi sarebbero gli estremi per la sfiducia se si fosse in una "normale” Regione, ma non oso immaginare avverrà considerato lo strapotere del Presidente in carica…”

Parole durissime dunque quelle di Laura Puppato, sulle nomine a direttore generale delle ULSS fatte da Luca Zaia a fine 2015. La senatrice Pd eletta in Consiglio regionale nel Veneto prosegue poi come segue: "Altra vicenda paradossale davvero è l'aver motivato una delle scelte più centraliste che si ricordi, come una vittoria del federalismo sullo stato centralista che, con la riforma della PA, ha introdotto un albo dei direttori generali, basato sul merito e sulla competenza, con valutazioni su scala nazionale, in base agli obiettivi raggiunti. Sia mai per Zaia che si indichino figure non scelte con criteri fiduciari e politici, ma per obiettivi meriti e qualifiche, questo no! E questo vogliamo chiamarlo federalismo? - si chiede la senatrice - cioè federalismo per Zaia è ciò che decide lui senza dover giustificare alcunché a nessuno a prescindere da qualità certificate, dunque merito e requisiti? Una faccia tosta senza pari, la saga degli amici fidati della Lega ai massimi livelli scelti per indicazione diretta, continua, con buona pace di quella meritocrazia che neppure a parole, in Lega, vorrebbero più. Vuoi mettere nepotismo e clientelismi quanto convengono elettoralmente?”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Artigiano muore folgorato in strada mentre lavora: inutili i soccorsi del 118

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 17 al 19 gennaio 2020

  • Trovano un vero arsenale nella sua casa: 42enne finisce in manette

  • Operaio morto sul lavoro a Legnago, assolto rappresentante dell'azienda

  • Tocca con la motosega i cavi dell'alta tensione: non c'è stato scampo per il 46enne

Torna su
VeronaSera è in caricamento