Il Pd: "Il divieto di bivacco alla Domus penalizza il turismo"

"L'imbarazzo per questa situazione assurda - scrivono i democratici in una nota congiunta -, ridicola e kafkiana ha raggiunto il colmo: Tosi si è cacciato in un vicolo cieco e sta facendo fare una figuraccia alla città"

Non è piaciuta al Pd la bagarre che si è creata attorno al divieto di consumare il cibo sui gradini o all'ombra del loggiato della Domus Mercatorum. Secondo i consiglieri comunali democratici Stefano Vallani e Michele Bertucco si va a colpire il turismo cittadino.

Spesso il cibo viene regolarmente acquistato nelle tradizionali bancarelle di Piazza Erbe e quasi sempre i turisti sono attentissimi al decoro della comunità ospitante, talvolta comportandosi meglio degli stessi abitanti. "L'imbarazzo per questa situazione assurda  - scrivono i democratici in una nota congiunta -, ridicola e kafkiana ha raggiunto il colmo: dove vogliono arrivare, vietare la vendita di prodotti alimentari? Con la sua smania di apparire Tosi si è cacciato in un vicolo cieco e sta facendo fare una figuraccia alla città".

"Consumare cibo d'asporto fa parte della cultura del viaggiatore - continuano Vallani e Bertucco -, soprattutto dei tanti giovani europei che preferiscono il viaggio low-cost al restare a casa. Se l'amministrazione non vuole questi turisti non ha altro da fare che riqualificare l'offerta turistica della città. Ma si ricordi che il giovane con lo zainetto in spalla di oggi potrebbe diventare un turista a 5 stelle domani e tornare a visitare Verona con la sua famiglia".

"Oltretutto - concludono gli esponenti del Pd -si applicano due pesi e due misure: con la stessa logica si dovrebbero allora mandare i vigili anche contro il consumo di spritz in tutta piazza Erbe che ogni sera lascia montagne di bicchieri e bottiglie per terra e sulle bancarelle chiuse utilizzare come banconi da bar. Che cosa dice l'amministrazione sugli schiamazzi notturni, sul parcheggio selvaggio e le orinate di gruppo nei vicoli circostanti alla piazza? Non è decoro anche questo? Invece di sprecare tante energie per i panini sarebbe più utile lavorare alla riqualificazione dell'offerta turistica cittadina, che non può pensare di vivere in eterno di rendita con Giulietta e l'Arena (anch'essi comunque in forte calo). E' ora di ripensare l'offerta turistica di Verona elevandola davvero al rango di città patrimonio dell'Unesco".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due classi chiuse per casi positivi al virus nel Veronese: «Rispettate le precauzioni»

  • Per gli otto comuni veronesi confinanti col Trentino 4 milioni di euro

  • Picchiata dal marito: luna di miele da incubo per una sposa veronese

  • Nuovi 40 casi positivi al virus nel Veronese e 1.987 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • La fuga dopo la rapina diventa un incidente mortale: perde la vita una 29enne

  • Innamorata di un ragazzo, genitori non approvano e la tengono chiusa in casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento