Convegno di Fortezza Europa, polemica sul credito formativo per gli avvocati

L'incontro della nuova associazione politica di destra ha come tema la legittima difesa. L'Assemblea 17 Dicembre protesta: "L'Ordine ci dovrebbe ripensare e ritirare il suo appoggio"

È in programma giovedì prossimo 30 novembre nella sala convegni Ater a Verona. Un incontro pubblico organizzato da Fortezza Europa, una nuova organizzazione politica e radicale di destra. Tema: la legittima difesa. A presentare l'incontro sarà Emanuele Tesauro, presidente di Fortezza Europa. Protagonisti sono Nicolò Petrali e Marco Petrali, uno giornalista e l'altro avvocato, figli di Giovanni Petrali, il tabaccaio che nel 2003 uccise e ferì i due uomini che lo avevano rapinato. Una vicenda giudiziaria che i due figli hanno raccontato nel libro "Legittima difesa. La vera storia di una rapina finita nel sangue". Moderatore della serata sarà Andrea Bacciga, che porterà i suoi saluti anche in veste di consigliere comunale, insieme ad un altro consigliere Vito Comencini e al vicesindaco di Verona Lorenzo Fontana.

Il convegno è criticato dall'associazione Assemblea 17 Dicembre, indignata soprattutto per il credito formativo assegnato dall'ordine degli avvocati di Verona agli avvocati che parteciparenno all'incontro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cosa significa questo appoggio esplicito a Fortezza Europa, solo un mero interesse culturale? - si chiede Assemblea 17 Dicembre - Crediamo che l'Ordine ci dovrebbe ripensare e ritirare il suo appoggio. Naturalmente non crediamo che la cosa sia avvenuta in totale ingenuità e buonafede, e siamo a conoscenza che altri avvocati, informati della notizia, si stanno già muovendo per avere spiegazioni e richiedere che l'offerta del credito formativo sia ritirata. Un solo credito ma fortemente simbolico e, dal nostro punto di vista di cittadini antifascisti, del tutto fuori luogo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal reparto Covid-19 di Borgo Trento: «Sappiamo cosa ci aspetta per i prossimi mesi»

  • Quanta acqua devo bere al giorno? Ecco quello che non sapevi

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Sono due trentenni in grave difficoltà economica i genitori del bimbo abbandonato a Verona

  • Contro gli assembramenti, provvedimenti diversificati e "zone rosse" a Verona

  • Un morto ed un ferito per un incidente motociclistico a Caprino Veronese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento