Politica Centro storico / Piazza Bra

C'eravamo tanto amati, il «Lorenzoni zombie» di Orietta Salemi fa arrabbiare il Pd a Verona

Il consigliere comunale Pd Federico Benini interviene polemicamente dopo le parole dell'ex candidata sindaco di Verona Orietta Salemi, ora passata nel partito Italia Viva di Renzi

Non sono passate inosservate le parole che l'ex candidata a sindaco di Verona per il Partito democratico Orietta Salemi avrebbe rilasciato negli scorsi giorni, secondo quanto riportato in un'intrervista apparsa il 5 luglio sul quotidiano Il Corriere del Veneto. La consigliera regionale Salemi, di recente passata in forza al partito di Matteo Renzi Italia Viva, in vista delle prossime elezioni regionali avrebbe riassunto così la competizione fra i due principali canditati Luca Zaia ed Arturo Lorenzoni: «Da una parte ci sono la star e la sua propaganda. Dall'altra, invece, lo zombie e il suo mutismo». Da parte sua, il candidato sostenuto anche dal Pd alla carica di Governatore della Regione Veneto Arturo Lorenzoni, ha preferito non commentare quelle che giudica «provocazioni ed offese personali», ma in terra scaligera la frecciatina di Orietta Salemi qualche principio di orticaria a qualcuno lo ha provocato.

Il consigliere comunale a Verona Federico Benini, riprendendo proprio la frase su Lorenzoni, non ha lesinato un commento decisamente piccato nei confronti dell'ex candidata a sindaco di Verona Salemi: «Dopo che tre quarti del partito l’ha sostenuta come segretaria cittadina del Pd nel 2013, dopo che tre quarti del Pd l’ha fatta votare in consiglio regionale nel 2015 e sostenuta e fatta vincere alle primarie del 2017, dove non è nemmeno riuscita ad andare al ballottaggio e ha preferito il ben più remunerativo seggio in Regione che quello in Consiglio comunale, - scrive Federico Benini su Facebook - oggi dopo aver lasciato quel partito (a cui deve solo gratitudine) per approdare con Renzi, ecco oggi come apostrofa Lorenzoni e chi lo sostiene. Mai vista tanta energia quando avrebbe dovuto fare opposizione a Tosi, Sboarina e Zaia». Touché. 

Post Facebook Benini Salemi Lorenzoni

Il post Facebook di Federico Benini
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

C'eravamo tanto amati, il «Lorenzoni zombie» di Orietta Salemi fa arrabbiare il Pd a Verona

VeronaSera è in caricamento