Riordino dei plateatici di piazza Erbe, scontro tra Tosi e Toffali

L'ex sindaco accusa l'attuale amministrazione di non aver portato avanti il progetto di restyling della piazza realizzato nel precedente mandato

Plateatici in piazza Erbe

Continua il botta e risposta tra l'ex sindaco di Verona Flavio Tosi e l'assessore al bilancio Francesca Toffali. Motivo dello scontro: il riordino dei plateatici di piazza Erbe. Per Tosi, il progetto per il restyling della piazza era stato realizzato durante la sua amministrazione e questa amministrazione avrebbe solo dovuto attuarlo. Ma il progetto sarebbe stato bloccato dall'assessore Toffali perché a lei sarebbero sgraditi i colori dei nuovi tendoni fissi di bar e ristoranti. L'assessore Toffali ha negato, aggiungendo che se il progetto fosse stato davvero pronto, poteva essere l'amministrazione Tosi a realizzarlo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Parole lunari, fuori dalla realtà, pronunciate da chi quando aveva la delega al commercio ha continuamente rinviato il progetto a cui mancava un ultimo passaggio amministrativo - controreplica Tosi - Invece, l'amministrazione Sboarina per due anni e mezzo ha tergiversato, rinviato, accampato ogni volta scuse diverse. La Toffali, in particolare, dimentica le sue stesse parole, dato che nell'estate del 2018 esortava gli esercenti a mettere in atto il piano di riordino, dunque oggi con quale faccia può affermare che il problema avrei dovuto risolverlo io che proprio quel piano di riordino lo avevo definito e che lei e il sindaco Sboarina invece hanno congelato?
Ora Sboarina lancia un concorso di idee per piazza Erbe, confermando di non sapere come procedere. Tutta "fuffa", quali idee si possono lanciare dal momento che il nuovo sovrintendente Tinè non vuole le strutture fisse? La verità è che la Toffali ha continuato a rinviare alle calende greche l'esecuzione del progetto esistente, forse volendo imitare la sua collega Francesca Briani, la quale sul Cortile di Giulietta non ha condiviso il progetto Mox della mia amministrazione senza prevedere un'alternativa e oggi infatti anche lì è tutto bloccato e non si sa cosa fare. I veronesi assistono impotenti a un'incapacità amministrativa che a Verona non ha precedenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Aifa autorizza la sperimentazione sul vaccino anti Covid-19: si farà a Verona

  • Il post Facebook del sindaco di Verona Sboarina sul virus e gli sbarchi dei migranti

  • Scuola, ecco il calendario per il Veneto: si parte il 14 settembre, si chiude il 5 giugno

  • Orologio da 40 mila euro rubato in gioielleria a Verona: padre e figlio in manette

  • Coronavirus: boom di contagiati in Veneto, fra cui pochi veronesi

  • Morto a 37 anni sulla A22, l'appello della moglie: «Cerco testimoni dell'incidente»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento