Nuove piste ciclabili a Verona: «A lungo annunciate ma mai realizzate»

I consiglieri comunali del Partito Democratico attaccano: «È un continuo rimandare ad eventi futuri, ma la città ha necessità di soluzioni viabilistiche e di mobilità subito, non tra altri due anni»

(Foto di repertorio)

Diciamo basta a questo continuo rimandare ad eventi futuri. La città ha necessità di soluzioni viabilistiche e di mobilità subito, non tra altri due anni. Si mettano subito in cantiere percorsi ciclabili, nuove corsie preferenziali per i bus, pedonalizzazioni in centro e in periferia e una riqualificazione generale dell'arredo urbano, quasi ovunque ridotto in stato pietoso.

La richiesta è dei consiglieri comunali del Partito Democratico di Verona Federico Benini, Elisa La Paglia, Stefano Vallani, i quali rimproverano al sindaco Federico Sboarina e alla sua giunta di aver continuato ad annunciare l'allargamento della rete di piste ciclabili della città senza però trasformare gli annunci in realtà.

Benini, La Paglia e Vallani citano come esempio la pista ciclabile che collegherà Saval e San Zeno, un'opera già finanziata in larga parte dalla Regione Veneto. Nel 2018, l'amministrazione si sbilanciò, assicurando che i lavori, ancora non iniziati, sarebbero terminati in poco tempo. «Dall'ultimo annuncio sono passati mesi senza che la città abbia visto nemmeno l'ombra di una nuova ciclabile - lamentano i consiglieri PD - E lo stesso assessore Luca Zanotto ha ammesso che i lavori della Saval-San Zeno, se tutto andrà per il verso giusto, non partiranno prima di settembre 2020. La gara, infatti, è stata da poco bandita e le ditte che intendono prendervi parte hanno tempo fino a fine marzo per presentare le proprie offerte. Tre anni di ritardo per avviare un progetto ereditato e finanziato».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma anche un'altra pista ciclabile in fase di realizzazione, la Boscomantico-Porta Nuova, procede a rilento. Anch'essa è stata ereditata dall'amministrazione Sboarina, è completamente finanziata e gli auspici dell'amministrazione erano quelli di completare la progettazione nel 2018 e far partire i lavori nel 2019. «Entro alcuni mesi dovrebbero cominciare i lavori di uno stralcio lungo il Camuzzoni fino alla stazione - concludono Benini, La Paglia e Vallani - Ma la parte a monte del progetto, la più complicata in quanto deve passare nei pressi di Villa Pullè, è ancora in alto mare dal punto di vista delle soluzioni progettuali».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Verona un nuovo decesso e altri 35 casi positivi: tutti i Comuni di appartenenza

  • Nel Veronese sono 29 i nuovi casi positivi e 1.808 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Due classi chiuse per casi positivi al virus nel Veronese: «Rispettate le precauzioni»

  • Elezioni regionali, suppletive e referendum costituzionale: seggi aperti in Veneto

  • Picchiata dal marito: luna di miele da incubo per una sposa veronese

  • Nuovi 40 casi positivi al virus nel Veronese e 1.987 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento