menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Recupero dell'Arsenale. PD: "Per risolvere un problema se ne creano due"

Luigi Ugoli ed Elisa La Paglia: "Per finanziare il project financing è stato prosciugato il bilancio delle opere pubbliche fino al 2019. I nuovi spazi non saranno fruibili liberamente dai cittadini e il Museo di Storia Naturale è ancora diviso in due"

Come già anticipato un mese fa, il Partito Democratico di Verona sostiene le osservazioni presentate dai cittadini alla variante urbanistica che riguarda l'Arsenale e chiede che vengano prese molto sul serio. "Spesso si tratta di osservazioni di puro buon senso - scrivono i consigliere Luigi Ugoli ed Elisa La Paglia - Come quella che fa notare l'altezza eccessiva delle finestre dell’asilo. Come si possono mandare i bambini in una struttura dalla quale non riescono nemmeno a guardare fuori?".

"L'amministrazione arriva alla soluzione di questo project financing col fiato cortissimo, senza soldi e senza aver condiviso nulla con nessuno dei soggetti interessati, residenti in primis - proseguono dal PD - Per finanziare il contributo pubblico richiesto dal project financing ha prosciugato il bilancio delle opere pubbliche del triennio 2017-2018-2019 mettendo così una pesantissima ipoteca sulla prossima amministrazione. La convenzione concordata priva poi i cittadini della possibilità di fruire liberamente non solo degli spazi interni, ma persino delle aree verdi. Resta irrisolto anche il problema del Museo di Storia Naturale per cui noi avevamo chiesto l’unitarietà invece resterà diviso. Questa soluzione risolve dunque un problema ma ne apre in contemporanea almeno altri due, facendo sorgere il dubbio, legittimo, sull'opportunità di usare lo strumento del project per affrontare questioni così delicate. L’amministrazione ha accettato di far versare al Comune una cifra spropositata di circa 30 milioni di euro tra contributo pubblico e affitto delle aree a servizio pubblico. Stando alle prime stime degli stessi uffici tecnici comunali, questi soldi sarebbero sufficienti a ripristinare al grezzo l'intero compendio, salvandone dunque la destinazione pubblica. Occorrerà poi sentire il parere dell'Anac sulla congruità dell'operazione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento