Smog, il PD organizza 4 incontri e critica Sboarina: «Non fa abbastanza»

I consiglieri comunali e il segretario cittadino del Partito Democratico: «Domeniche ecologiche e blocchi del traffico salturari sono necessari ma non sufficienti. È sulle misure strutturali siamo in ritardo»

Il volantino degli incontri organizzati dal PD di Verona

In quanto responsabile della salute pubblica pretendiamo che il sindaco raccolga e valuti attentamente gli appelli delle autorità sanitarie sui rischi riguardanti l'esposizione prolungata della popolazione ad elevati livelli di inquinamento atmosferico, adottando tutte le contromisure necessarie a combattere sia nell'immediato che in prospettiva i picchi di polveri sottili nell'aria.

I consiglieri comunali del Partito Democratico di Verona Federico Benini, Elisa La Paglia e Stefano Vallani, insieme al segretario cittadino del PD Luigi Ugoli, criticano ancora le politiche adottate dal Comune di Verona per contrastare l'inquinamento atmosferico. «Occorre prendere atto che domeniche ecologiche e blocchi del traffico salturari sono necessari ma non sufficienti, e che sulle misure strutturali Verona sconta un ritardo ormai inaccettabile», scrivono i democratici proprio in questi giorni in cui è scattata l'allerta di livello 1 per l'alta e persistente concentrazione di polveri sottili registrata a Verona, con conseguente inasprimento delle limitazioni alla circolazione dei veicoli più inquinanti.

Come si spiega che sull'A4 Venezia-Trieste sia cominciata la piantumazione di ben 100mila alberi, un cuscinetto ecologico di 146 ettari pensato per mitigare l'impatto dello smog e dei rumori del traffico, mentre a Verona la giunta non riesce nemmeno ad intavolare un discorso con i gestori della Brescia-Padova? - si chiedono i dem - Ed è vergognoso che sulle opere di mitigazioni attorno ad autostrade e tangenziali, la maggioranza in consiglio comunale abbia bocciato persino la richiesta di una studio di pre-fattibilità, passaggio necessario e non impegnativo verso un eventuale bando.

E per approfondire l'argomento, il Pd cittadino promuove quattro incontri sulle "Infrastrutture verdi" in relazione a quattro aspetti della città: la salute pubblica, i cambiamenti climatici, il benessere e il decoro dei quartieri, la promozione delle ricchezze naturalistiche. «Perché pensare al verde in modo strategico e complessivo, come ad una infrastruttura da programmare, realizzare e mantenere, è uno degli aspetti fondamentali della lotta all'inquinamento», ha sottolineato Luigi Ugoli.
Giovedì 28 febbraio alle 20.30 nella Sala civica di San Giacomo a Borgo Roma si parlerà di "Salute e Parchi Urbani". Lunedì 18 marzo alle 20.30 in Sala Tommasoli in Borgo Venezia "Cambiamenti climatici e gestione del territorio". Martedì 26 marzo alle 20.30 alla Batteria di Scarpa delle Torricelle "I parchi storico monumentali" e l'ultimo incontro sarà lunedì 8 Aprile alle 20.30 nella Sala Civica di via Marin Faliero 77 al Saval su "Aree protette e parchi urbani".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La città di Verona con le sue inestimabili meraviglie diventa protagonista in tv sulla Rai

  • A Verona la migliore escort dell'anno 2019: «Prima facevo l'aiuto cuoco»

  • Vince 75mila euro a L'Eredità e si taglia i capelli con Flavio Insinna

  • Possibili rischi per la salute, ritirato formaggio prodotto a Cerea

  • Donna morta annegata nella Bassa veronese: recuperato il cadavere

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

Torna su
VeronaSera è in caricamento