menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Pd all'attacco: "Contro i tagli Tosi in piazza insieme a noi"

Pd all'attacco: "Contro i tagli Tosi in piazza insieme a noi"

Pd all'attacco: "Contro i tagli Tosi in piazza insieme a noi"

Le sforbiciate del Governo infiammano l'opposizione: "Il sindaco trovi il coraggio di protestare"

I tagli imposti dal Governo rischiano di mettere in ginocchio il Comune di Verona. La denuncia è del Pd cittadino, che attacca nello stesso giorno in cui il sindaco Flavio Tosi presenta il resoconto delle attività dell’amministrazione comunale del 2010 e lancia i progetti da realizzare nel 2011. Il consigliere comunale del Pd Ivan Zerbato annuncia: “Pronti a scendere in piazza con il sindaco se avrà il coraggio di protestare contro i tagli”.

Secondo il partito d’opposizione, rappresentato, oltre che da Zerbato, anche dal segretario cittadino Stafano Vallani, dal capogruppo in consiglio comunale Stefania Sartori e dai consiglieri Roberto Uboldi, Carlo Pozzerle, Fabio Segattini e Maria Luisa Avesani, la legge di stabilità e il bilancio dello Stato, approvato lo scorso 7 dicembre, porteranno nelle casse di palazzo Barbieri, per l’anno prossimo, ben 10milioni e 468mila euro in meno rispetto al 2010. A questo taglio del Governo centrale si aggiungono i minori trasferimenti per il Comune di Verona da parte della Regione Veneto. In tutto, secondo una stima della Cgia di Mestre (la Confederazione Generale Italiana Artigianato, ndr), l’ammanco al quale dovrà fare fronte l’amministrazione Tosi è di circa 80milioni di euro.

È anche a causa di questi tagli che la Giunta non presenterà il bilancio programmatico per il 2011 al 31 dicembre come di consueto - ha denunciato Sartori -, presentazione che verrà fatta slittare a febbraio”. Il consigliere Uboldi rincara la dose: “Il bilancio di previsione non è solo un documento amministrativo, ma soprattutto un documento politico. È per questo che chiediamo di inserire nel prospetto anche la voce relativa ai trasferimenti derivanti dall’introduzione del federalismo, che dovrebbero essere di un +10 per cento nel 2011 e del +15 per cento nel 2012 e 2103”.

Su questo punto Uboldi costruisce il suo attacco: “Se questa voce non dovesse venire inserita in bilancio vuol dire che il federalismo non è una cosa vera. Se non arrivano questi soldi vuol dire che alla voce ‘federalismo’ possiamo tranquillamente leggere ‘tagli ai Comuni’, perché è di questo che si tratta”. E il consigliere comunale Ivan Zererbato tende la mano al sindaco lanciando una provocazione: “Tosi deve avere il coraggio di scendere in piazza e protestare contro i tagli voluti dal centrodestra, se lo farà noi saremo con lui con le bandiere verdi-bianco-rosse in mano”.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento