Arsenale, Pasetto lancia un comitato. "Project financing, strumento ideale"

Il comitato si chiama "Arsenale Subito". L'ex consigliere comunale chiede di aprirsi all'ascolto del territorio: "Non basta la volontà di investire in cultura"

Il sindaco Federico Sboarina ha dimostrato di fare sul serio con il project financing dell'Arsenale. Prima ha bloccato la gara per l'assegnazione dei lavori, poi ha dato il via all'iter per conoscere se il progetto è davvero di pubblico interesse.

Due mosse che hanno scatenato la reazione contraria dei tosiani che prima delle amministrative erano alla guida della città. L'ex assessore Alberto Bozza ha definito assurda la scelta di bloccare il progetto di riqualificazione dell'Arsenale. E oggi, 9 agosto, l'ex consigliere comunale di maggioranza Giorgio Pasetto ha annunciato la nascita del comitato "Arsenale Subito".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Affinchè il progetto dell'Arsenale abbia successo bisogna anche essere certi di poterlo mantenere nel tempo, ed ecco perché il project financing è lo strumento ideale - ha scritto Pasetto - È previsto che il concessionario sviluppi la progettazione definitiva ed esecutiva degli interventi, che verrà verificata e condivisa con l'amministrazione e in particolare con  la soprintendenza. Nell'ambito di questa condivisione potranno venire introdotti miglioramenti nell'ambito degli spazi a disposizione del Comune in maniera da poter raggiungere l'unificazione del Museo di Storia Naturale. Il concessionario dovrà eseguire gli importanti lavori di bonifica, che oggi non consentono di fruire dell'Arsenale se non parzialmente e per un periodo temporaneo, e tutte le successive opere di recupero e riqualificazione dell'intero complesso, utilizzando anche il contributo pubblico disponibile. Il parco dell'arte contemporanea, cuore del progetto, sarà un luogo di destinazione aperto ad un pubblico proveniente da ogni parte del mondo, in grado di generare energie positive, creative, e flussi turistici benefici per ogni singolo cittadino e per l’economia della città. Nell'ambito del progetto sarà realizzata una scuola pubblica dell'infanzia con un asilo nido integrato e un padiglione comprensivo di altri spazi complementari all'attività museale. Un territorio come il nostro ha il dovere di promuovere strategie culturali che producano ricadute concrete con un impatto reale e sostenibilità nel tempo. Non basta la volontà di investire in cultura, è necessario aprirsi all'ascolto del territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La montagna vicino Verona: 5 fantastiche escursioni a due passi dalla città dell'amore

  • La bella iniziativa del Comune di Bussolengo che favorisce il turismo e andrebbe imitata

  • Coronavirus: in Veneto segnalati +29 casi positivi, a Verona +263 isolamenti in un giorno

  • Coronavirus: a Verona segnalati +20 casi in 24 ore e crescono gli attuali positivi in Veneto

  • Rischio temporali in Veneto anche sul Garda e in Lessinia: l'allerta della protezione civile

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento