Congresso Mondiale delle Famiglie, Pasetto: «Dissenso boicottato»

Il presidente di Area Liberal voleva organizzare un flash mob e allestire un gazebo contro l'evento in Gran Guardia, ma per Questura e Comune non c'erano le condizioni di sicurezza necessarie

Pasetto con i divieti in mano

Saranno tante le manifestazioni e le contromanifestazioni che si svolgeranno a Verona per il Congresso Mondiale delle Famiglie. Iniziative che si aggiungono alle altre previste nel fine settimana come il Mobility Day e la Corsa di Giulietta. Una condizione che ha costretto istituzioni e forze dell'ordine a blindare il centro storico della città anche per ragioni di sicurezza.
Ma tra le tante contromanifestazioni che ci saranno, ce n'è una che non potrà esserci. Giorgio Pasetto, presidente di Area Liberal, aveva richiesto al Comune la possibilità di piazzare un gazebo in piazza Rubiani il 30 marzo, per mostrare il dissenso alla congresso delle famiglie in Gran Guardia non solo di Area Liberal, ma anche di +Europa, Radicali Italiani e Centro Motore. Il Comune ha però respinto l'autorizzazione al gazebo per ragioni di sicurezza. Le stesse ragioni che stanno alla base anche della decisione della Questura di Verona di non consentire neanche il flashmob organizzato da Pasetto.

Siamo al boicottaggio totale - ha commentato il presidente di Area Liberal - Verona viene marchiata come la città che darà voce a relatori con posizioni omofobe, sovraniste, integraliste e oscurantiste. Ottocento persone in Gran Guardia hanno bloccato un'intera città, hanno predisposto un evento politico mascherato da evento dedicato alla famiglia naturale, ma di fatto contro i diritti civili di tutti e contro la democrazia. Questo sta avvenendo a spese e danno dei contribuenti visto che il Comune ha concesso la Gran Guardia gratis per tre giorni e diverse altre gratuità a partire dai parcheggi. Non avevamo accettato di venire spostati in altri luoghi perché non siamo pacchi postali e piazza Bra è di tutti. La Questura e il Comune avrebbero dovuto garantire la nostra libera espressione visto che ai gruppi integralisti è stata concesso l'edificio più prestigioso nel cuore di Verona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

Torna su
VeronaSera è in caricamento