Politica San Massimo / Via Lugagnano

Il progetto Palaghiaccio a San Massimo diventa un caso. Pd: "A chi serve?"

Il progetto che prevederebbe la costruzione di un Palaghiaccio di circa 5.000 metri quadrati, oltre a parcheggi ed altre strutture, nel quartieri di San Massimo, era già stato bocciato dalla Terza circoscrizion, ma ora pare essere tornato in auge

Il progetto relativo a un palaghiaccio di circa 5.000 metri quadrati, in abbinamento a delle piscine coperte per altri 1.500 metri quadrati, più aree ristoro e parcheggi, il tutto da costruire a San Massimo, era già stato bocciato nel Consiglio della Terza circoscrizione. Ma in questi giorni l'idea è tornata in auge, pur tuttavia mettendo duramente in crisi la già precaria alleanza tra gli ex amici leghisti e tosiani. Non a caso sono proprio gli esponenti del Carroccio in Terza che si sono impegnati afirmare una mozione, all'interno della quale si chiede che il sindaco e la giunta comunale rinuncino al progetto.

D'altro canto si sono detti risolutamente contrari a tale idea, anche gli appartenenti al Partito Democratico, nella fattispecie il capogruppo in Terza Federico Benini e il capogruppo Pd a Palazzo Barbieri Michele Bertucco, per i quali si è di fronte all'"ennesimo project financing" che in realtà si rivela essere uno "spreco di risorse inutile", così come si legge in una nota diffua dall'Ufficio stampa del Pd:

La proposta del palaghiaccio a San Massimo era già stata bocciata dal Consiglio della Terza Circoscrizione il 15 giugno scorso e la decisione era stata correttamente recepita anche dalla Giunta Comunale. Che ora si torni alla carica con un progetto uguale o simile può voler dire due cose soltanto: la prima, che questa amministrazione non ha la benché minima capacità di programmare il territorio ma va all'amo di qualsiasi proposta che i privati presentino purché promettano di metterci “i schei”. Si tratta infatti dell'ennesimo project financing che nel progetto originario prevedeva, oltre alla pista del ghiaccio con annessa tribuna da 3.300 posti, anche una foresteria da oltre 100 posti letto, ristorante, parcheggi e tre piscine coperte. Facciamo notare che ad appena 800 metri in linea d'aria la proposta dell'Hellas sul compendio di Forte Lugagnano, che l'assessore competente non ritiene ancora decaduta malgrado il parere contrario dell'Urbanistica, prevede ulteriori piscine, foresterie e ristoranti.

Secondo, che l'amministrazione non ha il minimo interesse per le richieste del territorio il quale ha bisogno di aree di sfogo e non di ulteriori infrastrutture. In Circoscrizione il progetto era stato bocciato con voto unanime perché avrebbe comportato un aggravio di traffico che il quartiere non è in grado di sostenere e perché prevedeva di disfare metà del parco Maggiolino su cui si è investito parecchio in passato. Tra l'altro, occorre notare la vicinanza con il cimitero che rende tale scelta irrispettosa, ma soprattutto vale ricordare che sotto il parco sono interrati 240 mila metri quadri di fanghi derivanti dagli scarti della lavorazione del marmo dell'ex cava Friuli. Al tempo della costituzione del parco si dovette prestare grande attenzione alla scelta degli alberi da piantare affinché potessero sopravvivere in tale contesto. Figurarsi cosa vuol dire rimettersi a scavare in quel terreno.

Non da ultimo il project in questione, della durata prevista di 35-40 anni, porterebbe di fatto alla privatizzazione di un'area pubblica già adeguatamente valorizzata: uno spreco di risorse di cui non si comprende il motivo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il progetto Palaghiaccio a San Massimo diventa un caso. Pd: "A chi serve?"

VeronaSera è in caricamento