menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aggregazione Agsm-Aim, anche Salemi critica: “Non sia un appuntamento al buio”

Pur condividendo "l'opportunità di un'aggregazione" tra le due multiutility, la candidata Sindaco del Pd Orietta Salemi attacca: "Considerando l'assenza di documentazione sul protocollo d'intesa tra le parti, mi chiedo su quali basi i consiglieri possano esprimersi oggi"

Orietta Salemi, candidata sindaco del Pd, ha voluto commentare criticamente le parole del presidente di Agsm Fabio Venturi sull'aggregazione con la vicentina AIM. “Le dichiarazioni di Fabio Venturi sul caso Agsm-Aim sono gravi, ma rivelatrici – sottolinea Salemi -. Secondo il presidente di Agsm, il voto favorevole del consigliere indicato dal Partito Democratico implica l'assenso del PD all'operazione in Consiglio Comunale, come se gli amministratori rispondessero agli ordini di scuderia dei partiti e non agissero invece con una propria autonomia di ruolo tecnico. C'è stata una stagione in cui la politica ha gestito in questo modo il rapporto con le partecipate, considerandole come cosa propria. Ma gli effetti di questo approccio sono sotto gli occhi di tutti, anche a Verona, ed è proprio questo che vogliamo cambiare in futuro”.

Sulla questione era intervenuto qualche giorno fa anche un altro candidato Sindaco, Federico Sboarina, il quale aveva chiesto "calma e prudenza" in merito alla fusione Agsm-Aim, una questione giudicata di troppa importanza perché venga conclusa a fine mandato dall'attuale Amministrazione.

La stessa candidata del Partito democratico pare dunque essere dello stesso avviso: “Nel merito: condividiamo l'opportunità di un'aggregazione e sicuramente l'opzione dell'accordo con Aim può rappresentare una buona opportunità – ha infatti spiegato Orietta Salemi -. Considerando però la totale assenza di documentazione sul protocollo d'intesa tra le parti, mi chiedo su quali basi i consiglieri comunali possano esprimersi sull'accordo proposto oggi. Si sta parlando di un incontro al buio. Ci sono dei motivi per dire che non ci sono alternative ai termini dell'accordo resi noti in questi giorni? Va bene, ma Tosi venga a spiegarcelo in Consiglio Comunale. Agsm ha un prezzo da pagare all'alleanza con Aim? Ci si dimostri che non è il frutto della cattiva gestione di questi anni. Altrimenti la nostra posizione non cambia. Quando in ballo c'è la tutela di un patrimonio della città non si firmano cambiali in bianco”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento