Politica

Omicidio Luca Sacchi, Tosi contro Salvini: «Lo sciacallo ha colpito ancora»

«Neanche il tempo di piangere l'omicidio di un giovane ragazzo, Luca Sacchi, a Roma, che il solito "Capitano" Avvelenatore di Pozzi si è buttato a pesce sulla tragedia strumentalizzandola politicamente», ha detto l'ex sindaco di Verona

A sinistra Flavio Tosi, a destra Matteo Salvini

Lo sciacallo ha colpito ancora. Neanche il tempo di piangere l'omicidio di un giovane ragazzo, Luca Sacchi, a Roma, che il solito "Capitano" Avvelenatore di Pozzi si è buttato a pesce sulla tragedia strumentalizzandola politicamente. Salvini, appena cinque minuti dopo il fatto, ha commentato e polemizzato con il Governo senza conoscere dinamiche e contesto della vicenda. Per questo è stato redarguito giustamente anche dal Capo della Polizia Franco Gabrielli, uomo specchiato che da una vita combatte per la sicurezza dei cittadini italiani servendo e onorando le Istituzioni. Gabrielli ha detto giustamente che prima di commentare bisognerebbe perlomeno appurare i fatti.

È l'ex sindaco di Verona, Flavio Tosi, a scagliarsi contro l'ex Ministro dell'Interno, che ancora una volta ha lanciato il proprio attacco al Governo utilizzando un fatto di cronaca nera. Questa volta il riferimento è al caso di Luca Sacchi, il 24enne ucciso a Roma da alcuni colpi di pistola, per i quali sono stati fermati due uomini: Valerio Del Grosso e Paol Pirini. 
Salvini infatti aveva attaccato l'attuale esecutivo su alcuni presunti tagli alle forze dell'ordine, venendo ripreso prima dallo stesso Premier Conte e ora dallo stesso Tosi. 
 

Tra l'altro Salvini ha detto pure una inesattezza sui presunti tagli alla sicurezza. Non ci sono stati, anche perché il Governo Conte II - anche avesse voluto - non avrebbe fatto in tempo (la manovra economica deve ancora approvarla). Un fatto tecnico prima ancora che politico, di cui Salvini è bene a conoscenza. Lo stesso Salvini dimentica che quando lui era Ministro dell'Interno sono successi gravissimi (e noti) episodi di cronaca (dalla bambina di Napoli colpita da una pallottola in pieno centro e in pieno giorno, al carabiniere Mario Cerciello Rega ammazzato a Roma), ma nessuno (giustamente) si è azzardato a incolparlo di alcunché. L'unità delle Istituzioni, soprattutto in momenti così delicati, è sacra e andrebbe sempre salvaguardata.

Ma lo sciacallo non si ferma davanti a nulla. Neppure davanti a una tragedia. Nemmeno davanti alla morte e al lutto. Una spregiudicatezza che non conosce limiti. Ma non bisogna desistere: la rivoluzione oggi è la serietà.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Luca Sacchi, Tosi contro Salvini: «Lo sciacallo ha colpito ancora»

VeronaSera è in caricamento