Nuovo Bentegodi, Bianchini: «Completa riqualificazione del quartiere»

Il presidente della commissione sport del Comune di Verona ha replicato all'ex sindaco Flavio Tosi, il quale pensa sia dannoso ricostruire il nuovo stadio al posto di quello vecchio

Stadio Bentegodi (Foto di repertorio)

Bello, moderno e funzionale. Così il sindaco di Verona Federico Sboarina vorrebbe il nuovo stadio Bentegodi e per questo la sua giunta ha approvato l'avviso pubblico per verificare la presenza o meno di manifestazioni di interesse da parte di privati per la costruzione e la gestione di un nuovo impianto. L'ipotesi è che il nuovo Bentegodi possa contenere 30mila spettatori (circa 10mila in meno rispetto a quello attuale) e che sia realizzato mediante un project financing.

Non è noto dove sorgerà il nuovo stadio, ma è possibile che l'attuale Bentegodi venga abbattuto per far posto alla nuova struttura. Ipotesi criticata dal consigliere Flavio Tosi. Per l'ex sindaco, distruggere lo stadio per farne uno nuovo significherebbe creare disagi enormi per i residenti della zona per almeno due anni. La sua controproposta è, invece, di ristrutturare l'impianto di piazzale Olimpia e di costruirne uno nuovo in un'area diversa. Il sospetto di Tosi è che dietro la costruzione del nuovo stadio ci sia una grande speculazione edilizia che porterà nuovi alberghi e centri commerciali nel quartiere Stadio.

A Flavio Tosi, ha replicato il presidente della commissione sport del Comune di Verona Stafano Bianchini.

Prima di tutto vorrei ricordare che era il 2007 quando l'allora sindaco valutava l'ipotesi di costruire un nuovo stadio e la sua amministrazione aggiungeva successivamente che il Bentegodi comporta costi di gestione troppo alti - scrive Bianchini - Non si capisce come mai invece oggi a distanza di oltre dieci anni, il nuovo stadio non sarebbe una priorità. Ritengo invece che l'opportunità che la nostra amministrazione sta cercando di attuare è del tutto legittima e reale al contrario di quanto promesso nella precedente amministrazione, come ad esempio il palaghiaccio alla Spianà nel 2012. Detto questo, ricordo che dobbiamo aspettare prima di fare disquisizioni sul sito dell'eventuale nuovo stadio. Non sappiano se e quali prosposte di investitori privati arriveranno. Quello che ad oggi però sappiamo è che l'attuale amministrazione vuole una completa riqualificazione del quartiere, con servizi e verde a disposizione degli abitanti. Di questo hanno bisogno i residenti, e non di promesse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Artigiano muore folgorato in strada mentre lavora: inutili i soccorsi del 118

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 17 al 19 gennaio 2020

  • Trovano un vero arsenale nella sua casa: 42enne finisce in manette

  • Operaio morto sul lavoro a Legnago, assolto rappresentante dell'azienda

  • Tocca con la motosega i cavi dell'alta tensione: non c'è stato scampo per il 46enne

Torna su
VeronaSera è in caricamento