rotate-mobile
Politica Centro storico / Piazza Bra

Mozione Lega per creare una piattaforma digitale delle attività commerciali veronesi

I consiglieri: «Non è una gara a chi arriva primo, ma un progetto importante per i cittadini»

Un progetto di cooperazione tra esercenti e categorie economiche mediante la digitalizzazione delle attività del territorio e l’incentivazione degli acquisti nei negozi del vicinato. È questa la mozione dei consiglieri del gruppo Lega di Verona Vito Comencini, Anna Grassi, Andrea Bacciga, Laura Bocchi, Alessandro Gennari, Andrea Velardi ed Alberto Zelger, votata anche dai consiglieri della Quinta Circoscrizione Alberto Poli, Moreno Bronzato e il capogruppo Stefano Ubaldi . «Il progetto - si legge in una nota dei consiglieri comunali a Verona della Lega - nasce dall’esigenza di inserire nel Web tutte quelle realtà, che proprio in questo periodo di emergenza sanitaria, a causa dei lockdown, hanno tenuto e stanno tenendo chiusi i propri locali ma che potrebbero comunque continuare la vendita attraverso Internet. Il mancato accesso alle piattaforme online, dovuto a vari fari fattori: indisponibilità di budget, competenze e strumenti attuativi, ha gravato, sia in termini economici che di visibilità, su queste attività, favorendo ulteriormente i grandi Marketplace che già prima della pandemia avevano sottratto loro una fetta di mercato. Con questa mozione, depositata ieri mercoledì 24 marzo, si chiede la creazione di una piattaforma Web che permetta a tutte queste attività, continuando a lavorare nel territorio, di far parte anche di una "città digitale", usufruendo dei mezzi tecnologici per farsi conoscere dalla cittadinanza e mettere a disposizione degli utenti i loro prodotti, servizi e/o appuntamenti sia per l’acquisto che per la prenotazione e la vendita in negozio». Il gruppo della Lega nella sua nota concludeva spiegando di essere «lieto di constatare che anche alcuni consiglieri di minoranza abbiano abbracciato questa proposta, avendo depositato una mozione simile oggi, 25 marzo. In sede di discussione in Consiglio Comunale, per il bene della cittadinanza e delle attività economiche veronesi, confidiamo dunque che anche i suddetti consiglieri appoggino la nostra mozione».

Il consigliere comunale di Verona Domani Marco Zandomeneghi, in riferimento alla proposta avanzata nelle scorse ore dai gruppi consiliari Fare Verona, Lista Tosi e Lega per la realizzazione di una piattaforma web delle attività economiche della città da istituire sul sito del Comune per la divulgazione dei loro prodotti e per gli acquisti online, ha dichiarato: «Bene l’iniziativa della lista Tosi e della Lega per la realizzazione di appositi portali online sui siti istituzionali per promuovere l’incontro tra domanda e offerta nel periodo di emergenza Covid-19 per gli acquisti. Verona Domani ovviamente non può che esser favorevole a tale proposta, che si rende particolarmente necessaria ed urgente in un periodo di gravissima crisi economica per il settore del commercio veronese. Ricordiamo però agli amici consiglieri che proprio il nostro gruppo aveva presentato un Ordine del giorno nel mese di aprile dell’anno scorso esattamente uguale. Si sarà probabilmente trattato di una dimenticanza non voluta». 

Lo stesso Marco Zandomeneghi ha poi proseguito ricordando che il gruppo Verona Domani aveva già promosso un'iniziativa in questa direzione: «Esattamente un anno fa era stata protocollata identica mozione a nome di Verona Domani e primo firmatario il sottoscritto, che impegnava l’amministrazione ad incentivare e promuovere questa tipologia di portali, implementando e coordinando la loro attività al fine di aiutare i commercianti di vicinato del Comune di Verona, in un periodo particolarmente difficile e critico. Se da un lato quindi la proposta degli altri gruppi può servire da stimolo per accelerare e concretizzare la proposta di Verona Domani, considerato che purtroppo ancora nulla è stato fatto in tal senso e la tematica è ancora fortemente attuale, dall’altro stupisce l’effetto ritardato di questa iniziativa fotocopia. Peraltro, la neo consigliera tosiana Drudi, - ha concluso il consigliere Marco Zandomeneghi - era cofirmataria anche di quella richiesta, forse si è dimenticata di dirlo all’ex sindaco».

Sulla scorta delle parole di Zadomeneneghi si è nuovamente mosso il gruppo consiliare della Lega, ricordando di aver depositato la mozione di cui sopra per l'appunto lo scorso 24 marzo 2021: «Una mozione molto simile, - spiegano i consiglieri della Lega - è stata depositata da alcuni consiglieri della minoranza esattamente il giorno dopo, il 25 marzo 2021». Poi aggiungono gli esponenti leghisti: «Il 3 aprile 2020, infine, era stato inoltrato un Ordine del Giorno da parte di alcuni consiglieri della maggioranza per la promozione di un portale per l’incontro di domanda e offerta nel periodo dell’emergenza Covid-19. Tale Ordine del Giorno non è mai stato presentato in sede di Consiglio Comunale. Per questi motivi, come primo promotore del progetto, la Lega ha proposto agli altri gruppi consiliari di preparare un unico documento condiviso da portare all'attenzione della Terza Commissione al Commercio e alla Giunta, con l'obiettivo comune, in questo tragico momento storico, di aiutare con tutti gli strumenti possibili le attività commerciali veronesi. Non è una gara a chi arriva prima, - si conclude la nota dei consiglieri della Lega a palazzo Barbieri - e una volta ultimato il documento sarà opportuno dare risposte veloci ai veronesi con l'aiuto dei nostri assessori».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mozione Lega per creare una piattaforma digitale delle attività commerciali veronesi

VeronaSera è in caricamento