Fondazione Arena, il M5S: "Ora il rilancio e i responsabili, via la Tartarotti"

Ora che l'accordo sindacale per il risanamento di Fondazione Arena di Verona è stato approvato dai lavoratori, secondo il M5S, è necessario il vero rilancio artistico culturale e soprattutto una attenta analisi sulle responsabilità

A pochi giorni di distanza dal raggiungimento dell'accordo tra siglie Sindacali, dipendenti di Fondazione Arena da un lato e il Commissario straordinario Carlo Fuortes sul piano di risanamento "lacrime e sangue" per risollevare l'ente lirico, Il Movimento 5 Stelle chiede ufficialmente l'allontanamento del Direttore Operativo Francesca Tartarotti che, secondo quanto si legge in una nota stampa "non ha dimostrato di essere stata in grado di portare a termine il suo compito, visto che è stato necessario un commissario per arrivare all'accordo sindacale".

Ma le richieste del M5S non si fermano qui, infatti, sempre nel medesimo comnicato si legge: "Chiediamoinoltre che vengano individuati i dirigenti responsabili di questa catastrofe a partire dalla figura del Vice Direttore Artistico, figura unica in Italia esistente solo a Verona, priva di qualsivoglia  utilità".

Il consigliere comunale Gianni Benciolini in merito ha dichiarato: "Come sempre accade in Italia non si cercano i responsabili, e le vere responsabilità dirigenziali di mala gestio ricadono su tutti i lavoratori con la sospensione dell'attività lavorativa per 52 giorni. L'accordo prevede solo che vi sia una 'ristrutturazione e riduzione del management dell’Azienda con inserimento di una nuova politica di sviluppo meritocratico e di responsabilità individuale legata al raggiungimento di obiettivi vincolati dal Piano di risanamento'. Noi chiediamo a gran voce che vengano mandati a casa coloro che hanno portato Fondazione Arena in questo stato. Si combattono i furbetti del cartellino, ma non si individuano le vere responsabilità dirigenziali. Fino ad oggi i dirigenti sono aumentati, anche molto recentemente con l'assunzione del Direttore Operativo che ci costa 120.000€ all'anno più 15.000€ di spese di 'relocation' e viaggio. Chiediamo l'allontanamento immediato della Tartarotti, visto che il suo operato è stato fallimentare, e la riduzione del corpo dirigente a partire dal Vice Direttore Artistico, visto che c'è il Direttore Artistico Gavazzeni pagato circa 100 mila euro all'anno."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Sbanca a L'Eredità, dipendente comunale pensa ai colleghi in difficoltà

  • Terremoto nella Bassa Veronese: registrate tre scosse ravvicinate

  • Il cordoglio della politica veronese per la scomparsa di Roberto Puliero voce della città

  • «Grassie», la poesia di Roberto Puliero per chi lo ha avuto in cura

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

Torna su
VeronaSera è in caricamento