menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il ministro all'Integrazione Cècile Kyenge

Il ministro all'Integrazione Cècile Kyenge

Di Dio su Facebook: "Il ministro Kyenge si deve dimettere subito"

L'ex assessore alle Pari opportunità si scaglia contro il medico di origine congolese, ritenuta "colpevole" di aver giurato il falso sulla Costituzione

"Il ministro Kyenge? Si deve dimettere subito". A dirlo non è il parlamentare europeo Mario Borghezio, da tempo tenace avversario di tutti i "non padani" e nemmeno qualche pidiellino contrario alla proposta dello ius soli, ma è l'ex assessore comunale alle Pari opportunità, Vittorio Di Dio.

L'esponente della destra sociale scaligera ha attaccato il neo ministro all'Integrazione, Cécile Kyenge, su Facebook. Secondo Di Dio, il medico di origine congolese avrebbe già dovuto rassegnare le dimissioni per aver partecipato ad una manifestazione con uno striscione che affermava che "la clandestinità non è un reato". Così, quando l'ex assessore si è trovato sul giornale il giuramento della Kyenge sulla Costituzione non ci ha più visto ed è tornato alla carica. A segnalarlo è L'Arena, che precisa come il politico veronese si sia talmente infuriato nel vedere "una neo ministra giurare il falso", che è partito con una raccolta firme. E chiedere, ovviamente, le dimissioni.

Tutto starebbe nella presunta incompatibilità costituzionale nell'avere un ministro che giura sulla Legge dello Stato senza esserne completamente cittadina, ma solo per metà: di parte italiana e di parte congolese. Secondo Di Dio sarebbe questo il nucleo della faccenda, che sul social network ha già raccolto qualche adesione. Finora se ne attestano una quarantina.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento