Boccia: «Ordinanze regioni in prevalenza coerenti, ma impugneremo quella in Calabria»

«Tutti noi vorremmo tornare in un bar o in un ristorante, - ha spiegato il ministro Francesco Boccia - ma dobbiamo farlo in sicurezza senza mettere a rischio la salute di nessuno»

Il ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie Francesco Boccia - foto Facebook

«Si è appena conclusa una videoconferenza con le Regioni molto lunga e costruttiva, le loro ordinanze per la maggior parte sono coerenti con le decisioni del governo, sulle poche parti che necessitano integrazioni ci lavoreremo insieme fino al 4 maggio». Così si è espresso in una nota di qualche ora fa il ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie Francesco Boccia, evidenziando dunque come i vari provvedimenti presi dai singoli governatori delle regioni italiane siano prevalentemente il linea con le norme nazionali.

«Ho ringraziato i presidenti perché hanno fatto un lavoro straordinario raccordandosi con i ministeri competenti. - ha quindi sottolineato ancora il ministro Francesco Boccia - Abbiamo chiesto agli italiani di fare sacrifici enormi e possiamo onorarli solo con l'unità delle istituzioni».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra le questioni più spinose da affrontare per il governo vi è sicuramente la riapertura di bar e ristoranti al pubblico per il consumo in loco, e non più solo tramite l'asporto come il nuovo Dpcm consentirà su scala nazionale a partire da lunedì 4 fino almeno al 17 maggio: «Tutti noi vorremmo tornare in un bar o in un ristorante, - ha spiegato in merito il ministro Boccia - ma dobbiamo farlo in sicurezza senza mettere a rischio la salute di nessuno. La fuga in avanti della Calabria, - ha dunque ribadito il ministro - non aiuta nessuno e mette a rischio la salute dei calabresi. E saremo costretti a impugnare la decisione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nel Veronese sono 29 i nuovi casi positivi e 1.808 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Due classi chiuse per casi positivi al virus nel Veronese: «Rispettate le precauzioni»

  • Picchiata dal marito: luna di miele da incubo per una sposa veronese

  • Nuovi 40 casi positivi al virus nel Veronese e 1.987 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Tamponi a studenti e personale scolastico: ecco l'app per le prenotazioni

  • Per gli otto comuni veronesi confinanti col Trentino 4 milioni di euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento