Domenica, 17 Ottobre 2021
Politica Oppeano / Via Roma

Salvini a Oppeano: "Già abbiamo uno Stato scafista non lo vogliamo anche spacciatore"

Il leader della Lega Nord sabato sera è salito sul palco della festa che si è tenuta agli impianti sportivi del comune della Bassa, dal quale ha toccato i temi più caldi degli ultimi giorni

Gli impianti sportivi di Oppeano hanno fatto registrare il tutto esaurito nella serata di sabato 18 luglio, quando si è tenuta la festa della Lega Nord alla quale ha partecipato anche il leader Matteo Salvini. Stando a quanto riporta L'Arena, erano presenti circa 3500 persone, giunte anche da San Donà di Piave. 
"Già abbiamo uno Stato scafista non vogliamo diventare uno Stato spacciatore", ha esordito così il segretario del Carroccio nel suo discorso iniziato circa alle 22.30 e preceduto dagli interventi di Lorenzo Fontana e Paolo Paternoster, che hanno ribadito l'opposizione leghista alla presenza di strutture da dedicare agli immigrati nel nostro territorio. 
"Il capo del governo ha aperto il congresso del Pd parlando per dieci minuti delle mie magliette. Siamo messi bene", ha proseguito poi Salvini, come riporta L'Arena, facendo ovviamente riferimento a Matteo Renzi. "I prefetti devono essere mandati a casa, a cercarsi un altro lavoro - aveva ribadito nei precedenti discorsi tenuti a Quinto e ad Eraclea - chiudiamo tutte le prefetture, le loro competenze andranno ai sindaci". 
Salvini quindi, da un palco affianco del quale è stata posizionata una ruspa, non risparmia nessuno e si lascia andare anche ad una battuta sul partito che Flavio Tosi lancerà lunedì: "L'Italia aveva proprio bisogno di questo". 

In una foto con tanto di commento messa su Facebook, il leader leghista ha commentato così la serata: "Incredibile folla con la Lega ad Oppeano (Verona). Altro che le battute idiote di Renzi, con questa gente vinciamo e cambiamo l'Italia e l'Europa! E voi, che state facendo stasera?"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvini a Oppeano: "Già abbiamo uno Stato scafista non lo vogliamo anche spacciatore"

VeronaSera è in caricamento