Politica

Brunelli: "La prima casa non è una ricchezza ma la base della famiglia"

Il capogruppo in consiglio comunale per l'Udc lancia un appello alle varie forze politiche perché uniscano le forze per cambiare le normative in merito all'applicazione dell'Imu

Marisa Brunelli, capogruppo per l'Udc in consiglio comunale, chiama in causa le varie forze politiche, sia in ambito locale che nazionale, a difesa dei patrimoni delle famiglie. In particolare si fa riferiferimento all'Imu, probabilmente l'imposta più discussa di questo periodo, indicando nella prima casa non una ricchezza bensì un punto di riferimento per ogni famiglia.

"In questi giorni sono state applicate anche a Verona le nuove imposte volute dal governo. In particolare, l'Imu rappresenterà un sacrificio pesante per moltissime famiglie della nostra città, che spesso sono riuscite ad acquistare la propria abitazione solo attraverso una vita di sacrifici. Per questo motivo, pur comprendendo le motivazioni illustrate dal sindaco Flavio Tosi e dall'assessore al Bilancio Paloschi, sono stata a lungo incerta se dare a questa manovra il mio voto favorevole. Alla fine, ho scelto di farlo comunque. Ma invito tutte le forze politiche, a partire dai consiglieri regionali e dai parlamentari del mio stesso partito , ad attivarsi per cambiare la normativa in materia, e per dare serenità a partire magari già dal prossimo anno, a tante famiglie che vivono del loro stipendio e con esso fanno sempre più fatica ad arrivare alla fine del mese. La prima casa non è una "ricchezza" ma la base di qualsiasi vita famigliare: lavoriamo insieme perché non resti invece il motivo per ulteriori preoccupazioni economiche, a causa di una scelta fiscale che va rivista."

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brunelli: "La prima casa non è una ricchezza ma la base della famiglia"

VeronaSera è in caricamento