Degrado degli impianti sportivi. Bozza: "In un anno abbiamo fatto tanto"

Nuovo attacco all'amministrazione comunale scaligera da parte del presidente dell'ottava circoscrizione Dino Andreoli. L'assessore allo sport si difende e contrattacca

Impianto sportivo di Poiano (Foto GMaps)

Continua la polemica sullo stato di degrado degli impianti sportivi di Verona. Dopo l'attacco dell'associazione Battiti, respinto dagli assessori Edoardo Lana e Alberto Bozza, ora è il presidente dell'ottava circoscrizione Dino Andreoli ad attaccare il Comune. A dire il vero, Andreoli era stato tirato in ballo proprio da Lana e Bozza per la questione delle palestre scolastiche. 

Andreoli ha spiegato che il bilancio di previsione della sua circoscrizione non era stato approvato per mancanza di quelle risorse per la manutenzione che lo stesso Bozza gli aveva negato. Inoltre il presidente dell'ottava ha sottolineato che la manutenzione straordinaria spetta al Comune. "Ancora una volta il presidente Andreoli dimostra di non conoscere le competenze dei vari settori del Comune - ha replicato Bozza - poiché è evidente che la distinzione tra edilizia sportiva, attività sportiva, edilizia scolastica e decentramento, che tra l'altro compete ad assessorati diversi oltreché direttamente alla circoscrizione che lui presiede, per lui non contano".

"Il sottoscritto e credo anche il collega Lana non hanno mai avuto il piacere di conoscere dal signor Andreoli le problematiche agli impianti sportivi di sua giurisdizione - incalza Bozza - non so se lo abbia mai fatto il collega Benetti, competente per le palestre nelle scuole, ma dubito, cosa che invece è avvenuta con le associazioni sportive di Montorio, Quinto e Poiano che si sono attivate e alle quali stiamo dando risposte concrete programmando i vari interventi. Per fare un esempio su tutti l’impianto sportivo di Poiano che è inserito nelle opere pubbliche previste nel programma triennale e di cui è già stato approvato il progetto preliminare e presto sarà approvato il definitivo, che lo stesso Andreoli ha bocciato. Altri interventi, in altre frazioni, rientrano nelle manutenzioni straordinarie che a partire dalla prossima primavera andranno progressivamente a realizzarsi, nonostante le urgenze di queste settimane a causa del nubifragio che ha fatto slittare molti interventi precedentemente programmati".

"Una cosa è certa - concludel l'assessore allo sport Alberto Bozza - in un solo anno di lavoro abbiamo pianificato, e nei prossimi mesi realizzeremo, molto più di quanto qualcuno non abbia fatto se non a sole parole. Consiglio al presidente di concentrarsi di più nello studiare le competenze ed applicarsi di conseguenza nel programmare e fare le cose per le quali è pagato dai cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

Torna su
VeronaSera è in caricamento