menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Gelmini segnalata all'Anac dal M5S: "Riveste due ruoli incompatibili tra loro"

La deputata di Forza Italia è stata eletta nell'ottobre 2015 presidente della Comunità del Garda e tutt'ora è una parlamentare in carica. "Possibile che nessuno se ne sia accorto?", si chiede Francesca Businarolo

Nell'ottobre 2015 è stata eletta presidente della Comunità del Garda e tutt'ora è una parlamentare in carica. Mariastella Gelmini, deputata di Forza Italia, è finita al centro delle attenzioni del Movimento 5 Stelle, che ritiene incompatibili i due ruoli. 

"Eppure, se qualcuno avesse controllato le norme, si sarebbe accorto facilmente che ce ne sono molte che vietano questo tipo di doppio incarico", afferma una nota diffusa dalla deputata pentastellata Francesca Businarolo, sulla quale viene scritto che "se qualcuno avesse controllato le norme, si sarebbe accorto facilmente che ce ne sono molte che vietano questo tipo di doppio incarico. Uno su tutti, il decreto legislativo dell’8 aprile 2013, numero 39, che mette nero su bianco il fatto che gli incarichi di presidente e amministratore delegato di enti di diritto privato in controllo pubblico, di livello nazionale, regionale e locale, sono incompatibili con quelli di deputati e senatori. La legge era già in vigore quando gli amministratori gardesani si sono trovati per eleggere il presidente dell’ente, eppure nessuno ha obiettato. Né c’è stato qualcuno che, dopo l’elezione, ha chiesto all’onorevole Gelmini di rinunciare a uno dei due incarichi. Nel frattempo, sempre l’ex ministro ha pensato bene di farsi eleggere come consigliere comunale a Milano".

Il M5S ha annunciato quindi di aver inviato una segnalazione all’Anac, mentre Francesca Businarolo s'interroga sulla vicenda. 

Possibile che nessuno se ne sia accorto? tanta distrazione è davvero difficile da spiegare. Faremo il possibile, anche questa volta per ristabilire la legalità. Intanto, sul territorio ci si chiede se la Comunità del Garda serva veramente a fare gli interessi di quest’area così ricca di specificità. Un esempio? A parole la Comunità gardesana si è spesa per il collettore del Garda, ma i risultati ancora si stentano a vedere. Sarà difficile convincere i cittadini che il ruolo dell’ente vada molto oltre quello del poltronificio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento