Una Verona Civica per sostenere la candidatura a sindaco di Orietta Salemi

Il capolista 28enne, ingegnere ambientale, attivissimo nel sociale Tommaso Ferrari: "Mi candido perché un'amministrazione con vocazione europea deve possedere il nostro sguardo, quello di una generazione con voglia di riscatto, partecipazione e rinnovamento"

Ph Carolina Fanni

Si è presentata oggi, venerdì 5 maggio, la lista “Verona Civica Salemi Sindaco” in sostegno alla candidata Orietta Salemi, all’ombra dell’Arco dei Gavi.

Un luogo gioiello della città, emblema di tutti quei patrimoni silenti che devono essere valorizzati e coinvolti per non essere perduti. Per annunciare la sua candidatura Orietta Salemi aveva scelto, nei mesi scorsi, piazza Santa Toscana. Una partenza simbolica che rivelava già alle origini il senso di una proposta rivolta non solo ai convenzionali "salotti" di Verona come Piazza Bra e Piazza Erbe, ma che sceglie consapevolmente di dedicare la giusta attenzione anche ai quartieri fuori dal centro.

«C’è chi è civico per etichetta e chi lo è per storia, questa lista è fatta solo da persone che si sono messe in gioco a partire dalle loro competenze professionali, dalla loro storia» spiega Orietta Salemi. Spazio, dunque, al merito che va inseguito con coraggio, senza stereotipi.

Il capolista è Tommaso Ferrari, 28 anni, ingegnere ambientale con un impegno associativo molto forte, sia all’estero con progetti ambientali in Nicaragua, Libano e in Palestina, che in città come presidente di River, associazione culturale impegnata nella riqualificazione degli spazi urbani dimenticati. «Mi candido perché un’amministrazione con vocazione europea deve possedere il nostro sguardo, quello di una generazione con voglia di riscatto, di partecipazione e di rinnovamento» ha spiegato Tommaso Ferrari, capolista di Verona Civica Salemi Sindaco.

Alcuni candidati della lista Verona Civica Salemi Sindaco

Orietta Salemi, ha quindi voluto sintetizzare così il significato della sua lista civica, presentata oggi all’Arco dei Gavi: «La mia proposta amministrativa è rivolta a tutta la città e non solo ai cittadini politicamente schierati con il centrosinistra. Il profilo della lista "Verona civica – Salemi Sindaco" lo dimostra attraverso le persone che la compongono. Donne e uomini scelti con criteri chiari. Competenza, rappresentatività civica, rinnovamento generazionale».

«La prima scelta che ho fatto nella composizione di questa lista - ha infine aggiunto Orietta Salemi – è stata quella di scegliere figure in base alla loro capacità di rappresentare mondi e storie importanti della nostra città, anziché guardare al loro grado di organicità al mio orientamento politico. La seconda scelta è stata quella di coinvolgere figure con una competenza nella loro esperienza professionale e associativa. Ho fatto con questa lista ciò che credo dovrebbe fare il nuovo Sindaco in generale: riconoscere i talenti e le competenze che esistono anche al di fuori delle filiere politiche, per liberarne il potenziale a favore della città. Infine ho voluto dare spazio a figure di nuova generazione, accanto ad alcune di maggiore esperienza. E anche questo ho scelto di farlo perché Verona deve ripartire dai suoi giovani, se vuole cambiare in meglio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Incidente e incendio, un camion va a fuoco: traffico in tilt sulla tangenziale sud

  • Cambia la viabilità di Verona per il Venerdì Gnocolar: ecco i provvedimenti

  • Musicista torna in Molise da Verona: «Per il coronavirus, prevenzione bassa»

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 21 al 23 febbraio 2020

  • Aveva un tumore al collo, neonata operata durante il parto a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento