Politica Garda / Lungo Lago Regina Adelaide

Lega Nord in piazza contro l'arrivo di migranti a Garda, Equitalia e Governo Renzi

Il Carroccio venerdì mattina ha dato vita alla raccolta firme contro l'arrivo di clandestini in un hotel della zona, spostandosi poi a Verona e Legnago sotto le sedi dell'ente di riscossione

È iniziata venerdì la tre giorni della Lega Nord con il tema "Liberiamoci e Ripartiamo" da questo governo. Ecco il bilancio stilato dalla segreteria provinciale del Carroccio:

Durante la mattinata c'è stata la prima manifestazione a Garda con una imponente raccolta di firme contro l'imminente arrivo di moltissimi clandestini presso un hotel situato in questa famosa località lacustre.
In solo tre ore di banchetto sono state raccolte oltre 250 firme con moltissimi cittadini che facevano la coda per sostenere la nostra azione di protesta.
"Entro breve, brevissimo tempo - commenta il segretario provinciale della Lega Nord di Verona, Paolo Paternoster - arriveranno moltissimi clandestini anche a Garda e il paradosso sarà che mentre i turisti pagano fior di quattrini per soggiornare negli alberghi del Lago di Garda queste persone saranno pagate direttamente da tutti noi cittadini per restare a far nulla dalla mattina alla sera a Garda e dintorni a tempo indeterminato creando sicuramente moltissimi fastidi residenti operatori economici e commercianti soprattutto turisti".
Nel pomeriggio poi la giornata è continuata presso le sedi di Equitalia a Verona e Legnago dove alcune centinaia di nostri militanti hanno manifestato contro Equitalia stessa, braccio operativo, e contro lo Stato che butta dalla finestra centinaia di milioni di euro ogni anno per mantenere centinaia di migliaia di clandestini sul nostro territorio ricordandosi di noi solo nel momento in cui veniamo spremuti per pagare tasse ingiuste e altissime.

"Uno stato nemmeno capace di garantire la sicurezza e l'incolumità di noi cittadini visti gli innumerevoli furti che vengono perpetrati nelle nostre case a qualsiasi ora del giorno e della notte ritmi ormai di un furto ogni 5 minuti.
È ora di dire basta - aggiunge Paternoster - è un messaggio forte e chiaro verrà lanciato domenica dal palco di Bologna dal nostro leader Matteo Salvini che sarà accompagnato da migliaia e migliaia di militanti e cittadini provenienti da ogni parte d'Italia.
Renzi non rappresenta più nessuno e non è stato nemmeno votato dai cittadini e visto i disastri che sta combinando con il suo degno collega Alfano è meglio che se ne vada a casa il prima possibile visto che i cittadini di tutto ciò ne hanno le tasche piene".
La presenza di Verona a Bologna sarà massiccia e visibile come sempre. Venti pullman partiranno da ogni parte della nostra città e provincia seguiti da moltissimi sostenitori con treno e mezzi propri.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lega Nord in piazza contro l'arrivo di migranti a Garda, Equitalia e Governo Renzi

VeronaSera è in caricamento