Anziani nelle Rsa tra precauzioni e solitudine, La Paglia: «Riprendano attività e visite parenti»

La consigliera dem Elisa La Paglia chiede che si attuino le nuove linee guida dell’Istituto Superiore di Sanità: «Riprendano al più presto le visite dei parenti e le attività di gruppo»

Anziana - immagine d'archivio

«Alcune famiglie ci riferiscono che gli anziani nelle case di riposo della provincia di Verona stanno morendo di solitudine. Chiediamo che riprendano al più presto le visite dei parenti e le attività di gruppo, come suggeriscono le nuove linee guida dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss), che la Regione Veneto deve prontamente recepire». Così Elisa La Paglia, consigliera comunale a palazzo Barbieri e candidata alle prossime elezioni regionali In Veneto, la quale lancia un appello sulle case di riposo veronesi che con l’emergenza Covid-19 hanno adottato restrizioni severe per limitare il contagio.

«Le famiglie ci hanno riferito che, ad esempio a Negrar, Pescantina e Bussolengo, possono vedere i loro cari mezz’ora la settimana, a distanza e con mascherine, come da indicazioni Aulss 9. - evdenzia l'esponente Pd Elisa La Paglia - È sacrosanto che le 80 strutture veronesi, che accolgono 5.600 anziani, abbiano messo in atto tutte le regole volte a garantire la sicurezza dei loro ospiti. Però non possiamo neppure tenere gli anziani reclusi nelle camere, senza alcun contatto con i loro cari, come sta accadendo in alcune case di riposo della nostra provincia. Ci sono strutture in cui da febbraio gli anziani non escono nel parco e non svolgono attività ricreative, restando quasi sempre parcheggiati in camera a guardare la tv. Il vero problema è la carenza di personale. - incalza quindi la candidata consigliera regionale Elisa La Paglia - L’emergenza Covid sta rivelando le carenze che prima venivano compensate dai familiari, come per le residenze dell’Istituto Assistenza Anziani: erano spesso loro a dare da mangiare ai parenti non autosufficienti o a pagare le badanti per questo ed erano sempre loro a portarli fuori nel giardino o ad assisterli durante la giornata. Non tutte le strutture, fortunatamente, sono così, ci sono anche delle esperienze molto positive come Nogara o Bussolengo stessa. Anche in questo serve equità. Siamo solidali con il personale, perché lavora più di prima e in condizioni spesso precarie. La Regione invece non solo non copre le salatissime rette ma non garantisce nemmeno qualità».

elisa La Paglia Pd

La consigliera comunale Pd a Verona Elisa La Paglia

Secondo quanto si apprende dalla nota della consigliera comunale veronese del Partito democratico Elisa La Paglia, alcuni parenti di ospiti delle case di riposo avrebbero a tal riguardo anche già raccolto oltre 200 firme con una petizione per chiedere il diritto di poter assistere i propri cari, pur nel rispetto di tutte le precauzioni che la pandemia da coronavirus attualmente impone. Le firme sarebbero quindi state poi inviate al governatore Luca Zaia, all’assessore regionale alla Sanità Manuela Lanzarin e a diversi altri politici, tra i quali anche Matteo Salvini e Giorgia Meloni.

«Le case di riposo devono creare le condizioni idonee affinché gli anziani possano rivedere in sicurezza parenti e conoscenti - aggiunge quindi la consigliera comunale Pd Elisa La Paglia - e possano tornare a godere delle attività a regime nel rispetto del distanziamento sociale, come indica il documento pubblicato il 3 settembre nel report dell’Istituto Superiore di Sanità. Si tratta di un documento aggiornato in base alla situazione epidemiologica attuale nel quale, come ha spiegato Paolo D’Ancona, coordinatore del gruppo di lavoro che ha realizzato il rapporto, si sottolinea come il benessere degli anziani e delle persone fragili sia intimamente collegato alla loro sfera emotiva. Perciò l’incontro con i familiari e la vita relazionale sono indispensabili anche per mantenere un buono stato di salute. Chiediamo - conclude Elisa La Paglia - che la Regione Veneto destini dei fondi per creare delle aree separate nelle case di riposo per il fine vita, in cui i familiari possano assistere e salutare i loro cari in sicurezza negli ultimi giorni della loro esistenza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Secondo il presidente dell'Ordine dei medici di Venezia il Veneto va «verso la zona rossa»

  • Il Veneto dal 16 gennaio è la Regione più a rischio zona rossa con il prossimo Dpcm

  • La zona arancione che in Veneto durerà almeno fino al 15 gennaio spiegata semplice

  • Speranza presenta il nuovo Dpcm: «Alle 18 nei bar stop asporto, musei aperti in zona gialla»

  • Drammatico incidente tra furgone e camion in A22: morto un 31enne di Lazise

  • Variante inglese, Crisanti: «Se c'è, allora strade d'accesso al Veneto bloccate e lockdown»

Torna su
VeronaSera è in caricamento