menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Risorse per scuole e insegnanti, Rotta: "Nessuno finora ha investito come noi"

La deputata e candidata Pd Alessia Rotta ha fatto un bilancio degli interventi a sostegno delle scuole veronesi durante l'ultima legislatura: "Dopo anni di tagli abbiamo portato nuove risorse e nuove assunzioni"

«Mai come in questa legislatura si è fatto un investimento di questa portata nei confronti della scuola. Dopo anni di tagli, siamo finalmente riusciti a porre nuove ed importanti risorse nel sistema. Risorse umane, con nuove assunzioni, garantendo più sicurezza, con un importante lavoro sull’edilizia scolastica», lo ha dichiarato ieri la deputata del Pd e candidata nel collegio uninominale di Verona Alessia Rotta, nel corso di una conferenza stampa tenuta con i colleghi Diego Zardini e Vincenzo D’Arienzo, insieme a Silvio Gandini e Maurizio Facincani.

I candidati hanno in seguito fatto il punto sulle risorse destinate a Verona nelle scuole di ogni ordine e grado, di città e provincia, sia in termini di risorse umane che in termini di edilizia scolastica e nuovi servizi connessi alla legge 107, la cosiddetta Buona Scuola. «Ai 18 milioni destinati al territorio veronese contenuti negli ultimi anni nei vari provvedimenti sblocca scuole e messa in sicurezza - hanno spiegato i candidati PD - vogliamo ricordare i 5 milioni destinati dal fondo scuole innovative al comune di Negrar, unico a vincere il bando. A questi si aggiungono poi le ultime risorse assegnate con l’ultima legge di bilancio (al comma 140), che serviranno prioritariamente per gli interventi di adeguamento sismico e manutenzione straordinaria degli edifici esistenti che porta altri 8 milioni e 597 mila euro per le scuole di gestione comunali e 335 mila euro a quelle di gestione provinciale. In totale sono 31,9 milioni le risorse investite per le scuole della provincia».

«Merita una particolare attenzione il capitolo di spesa destinato ai bambini di età dai 0 ai 6 anni - hanno quindi aggiunto gli esponenti del Pd - Risorse stanziate con l’obiettivo di potenziare i servizi, abbassare i costi e superare le disuguaglianze sociali e territoriali. Con oltre 4 milioni di euro destinati a Verona, abbiamo voluto garantire il progressivo consolidamento, ampliamento e accessibilità dei servizi educativi per l’infanzia, il raggiungimento di almeno il 33% di copertura di servizi per la popolazione sotto i tre anni di età a livello nazionale e la graduale diffusione dei servizi educativi con l’obiettivo tendenziale di giungere al 75 per cento nei Comuni».

Tra le novità rivendicate nell'operato del Governo, anche gli «investimenti nella digitalizzazione, con oltre 5 milioni e 400 mila euro riconducibili ai fondi PON destinati all’alternanza scuola-lavoro, alla creazione di infrastrutture informatiche, ambienti multimediali, percorsi laboratoriali e professionalizzanti». Sul fronte assunzioni, gli esponenti del PArtito democratico hanno poi ricordato come «su 132 mila insegnanti assunti a livello nazionale, a Verona e provincia sono stati immessi in ruolo 2.203 docenti nell'ultimo triennio, su un totale in Veneto di 11.084 assunzioni». 

Importanti anche gli investimenti che il Governo ha fatto nella formazione professionale in Veneto, con 23,5 milioni per la sperimentazione sul sistema duale, in aggiunta ai 189 milioni già stanziati per i percorsi di istruzione e formazione professione (IeFP). Sempre in Veneto sono poi stati selezionati 3 mila studenti e 37 centri di formazione professionali (CFP) scelti da Italia Lavoro e distribuiti nelle 7 province venete. A questo si aggiungono gli Atelier creativi, con 28 milioni di euro destinati alle scuole che hanno presentato progetti per laboratori didattici innovativi, pensati come punto di incontro tra il sapere e il saper fare e come luoghi di sviluppo della creatività. Per Verona sono stati selezionati progetti per 41 scuole in tutta la provincia.

«Si è trattato dunque di una legislatura attenta in maniera sicuramente inedita alla scuola e alle sue risorse - hanno quindi concluso i deputati Pd - a partire dalla sicurezza degli ambienti di vita e di lavoro di centinaia di migliaia di studenti professori e personale ATA. Abbiamo iniziato un cammino che ha permesso di ridurre drasticamente la precarietà delle carriere degli insegnanti, stabilizzando gli organici, con risorse specificamente rivolte ad aumentare la qualità dell’offerta formativa ai nostri giovani».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento