«Un giovane su sei ha perso l'impiego per il Covid-19: servono politiche di ampio respiro»

È Giandomenico Allegri, candidato alle prossime elezioni regionali per il Partito Democratico, ad affrontare il tema che lega la fascia più giovane della nostra popolazione e gli effetti che avrà su di lei l'attuale emergenza sanitaria

Giandomenico Allegri

«In queste ore ho letto tanti commenti alle recenti notizie su politici e bonus. Trovo che la cosa più sbagliata sia lanciarsi nelle solite generalizzazioni (i "politici"...) e fare di tutta l'erba un fascio. Come vediamo, ci sono persone e persone. Lo stesso vale per i giovani. Si legge tanto di giovani sconsiderati, di discoteche, giovani che portano il Covid. Io vorrei parlare di Covid e giovani, ma sul piano del Covid e del suo impatto sul futuro dei nostri giovani», a dirlo è Giandomenico Allegri, candidato alle prossime elezioni regionali per il Partito Democratico.

«La pandemia rischia di lasciare una cicatrice su un'intera generazione di ventenni e trentenni, già vittime della precarietà e con redditi mediamente più bassi rispetto ad altre fasce di popolazione (-11% rispetto alla media nazionale) - prosegue Allegri -. Già durante il lockdown, secondo l'Organizzazione Internazionale del Lavoro, un giovane su sei ha perso il proprio impiego.
C'è uno scenario sommerso e preoccupante su cui è doveroso che la politica faccia luce. Occorre mettere in cima all'agenda la situazione di una generazione che oggi più di ogni altra rischia di veder svanire le sue speranze, non solo lavorative, le aspirazioni, i progetti di vita. Si tratta di tanti giovani prevalentemente occupati nella cosiddetta "economia informale", spesso con minori tutele. Di questo dobbiamo occuparci privilegiando un'impostazione politica lungimirante, che - oltre ad affrontare l'emergenza occupazionale post-Covid - inizi seriamente a progettare oggi le opportunità che i giovani potranno continuare a mettere a frutto nel medio e lungo termine».

Da imprenditore fondatore della propria azienda, Allegri sottolinea in particolare la necessità di ridare speranza e motivazione a una generazione. «I nostri giovani sono consapevoli che la pandemia porterà all'aumento del debito pubblico e a nuove misure di austerity a danno soprattutto delle nuove generazioni. Ma non possiamo far perdere a un'intera generazione la speranza - sottolinea l'esponente dem -. Non possiamo accettare che la spinta motivazionale dei nostri giovani si spenga, dobbiamo aiutarli a investire su di sè, sulla propria indispensabile formazione, a cominciare dagli studi universitari».

Le stime dell’Osservatorio Talents Venture attestano una preoccupante riduzione delle iscrizioni per il prossimo anno accademico dell'11%. Il Ministro dell’Università e della Ricerca Manfredi paventa un calo che potrebbe toccare il 20%. «Occorre incentivare la ripresa degli studi universitari, anche affrontando il tema degli affitti per i fuori sede, e avviare un circolo virtuoso di innovazione in campo occupazionale. Ricordiamo che l'Istat rileva come gli italiani siano già fra gli ultimi in Europa per livello di istruzione: in Italia i laureati sono il 19,6% della popolazione, un valore molto basso rispetto a una media europea del 33,2%» ricorda Allegri, che vede tra i rischi post-Covid anche ripercussioni sulla natalità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Non si tratta solo di formazione e di occupazione. Si tratta anche di progetti di vita, di creazione di una famiglia e quindi, di riflesso, di natalità. Già l'Istat, prima dello scoppio della pandemia, aveva stimato un calo di 10mila nascite nel 2021. Ora il quadro sembra peggiorare ulteriormente, con stime che prevedono fino a 39mila nascite in meno. Non perché i giovani non desiderino la maternità e la paternità, ci dice l'Istat, bensì per rassegnazione, perché le loro condizioni socio-economiche sono un freno alla natalità. Dobbiamo lavorare a un orizzonte politico in cui non si ragioni in termini di Pil, di profitto privato, di tagli al welfare, di precarizzazione e di aggravio sulle nuove generazioni. Occorre immaginare e realizzare un sistema sostenibile, che non può prescindere da un'equa redistribuzione della ricchezza di cui lo Stato deve farsi promotore e garante».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nel Veronese sono 29 i nuovi casi positivi e 1.808 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Due classi chiuse per casi positivi al virus nel Veronese: «Rispettate le precauzioni»

  • Picchiata dal marito: luna di miele da incubo per una sposa veronese

  • Per gli otto comuni veronesi confinanti col Trentino 4 milioni di euro

  • Nuovi 40 casi positivi al virus nel Veronese e 1.987 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Tamponi a studenti e personale scolastico: ecco l'app per le prenotazioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento